Con un comunicato stampa pubblicato sul proprio sito, l’#agenzia delle entrate ha dato ufficialmente il via allo spazio web, raggiungibile all’indirizzo https://infoprecompilata.agenziaentrate.it, dove i contribuenti potranno trovare tutte le informazioni per visualizzare, compilare, integrare o modificare e trasmettere la dichiarazione dei redditi Precompilata 2016.

Nell’attesa che arrivi il fatidico 15 aprile, giorno in cui il modello sarà disponibile per circa 30 milioni di contribuenti, si potrà familiarizzare sulle funzioni di questa piattaforma online, che oltre a prevedere le classiche sezioni “Le principali novità del 2016”, “Cos'è e a chi interessa” e “I vantaggi”, avrà una sezione Faq costantemente aggiornata, a seguito dei quesiti pervenuti dai cittadini.

Le principali novità del 2016

Dopo il debutto dello scorso anno, la dichiarazione Precompilata ritorna con importanti novità. Innanzitutto viene inserita la possibilità di presentare la dichiarazione congiunta, che l’anno scorso aveva costretto i contribuenti a rivolgersi ai CAF con costi a proprio carico. Il soggetto che intende presentare la dichiarazione in qualità di coniuge dichiarante, dovrà indicare il codice fiscale del coniuge che presenterà il #modello 730 congiunto in qualità di dichiarante.

Altra novità riguarda i dati presenti nella precompilata. Entrano infatti circa 700 milioni di nuovi dati, principalmente le spese sanitarie, universitarie, funebri, i contributi per previdenza complementare e i bonifici per i lavori di ristrutturazione.

Le date e le scadenze

Dopo il 15 aprile, giorno in cui le dichiarazioni precompilate saranno rese disponibili dal fisco, queste sono le principali date da ricordare:

  • 2 maggio: da questa data sarà possibile accettare, modificare e inviare la dichiarazione 730 precompilata all'Agenzia delle Entrate direttamente tramite l'applicazione web;
  • 16 giugno: scadenza dei versamenti a saldo e primo acconto per i contribuenti senza sostituto d’imposta;
  • 7 luglio: scadenza invio 730 precompilato
  • 16 luglio: scadenza dei versamenti a saldo e primo acconto, con la maggiorazione dello 0,40%, per i contribuenti senza sostituto d’imposta;
  • 25 ottobre: scadenza presentazione, tramite Caf o professionista abilitato, del modello 730 integrativo, in caso di errori che comportano un maggiore credito, un minor debito o un'imposta invariata.

Quali sono i vantaggi del 730 precompilato

Oltre ad avere la maggior parte dei dati già inseriti, ai contribuenti che accettano il 730 precompilato senza modifiche, non saranno effettuati i controlli documentali sugli oneri detraibili e deducibili i cui dati sono stati forniti all'Agenzia delle Entrate direttamente dai percettori (banche, assicurazioni, medici, strutture sanitarie, università, ecc.).

I migliori video del giorno

#Irpef