L'Iri è la nuova tassa che sarà in vigore con la nuova Riforma varata dal Governo Renzi, il quale acronimo vuol dire Imposta sul reddito dell'imprenditore. Tale tassazione verrà applicata soltanto alle ditte individuali e alle società di persone, sarà fissa al 24 percento per tutti, dunque senza alcun scaglione in base al reddito. Una tassazione che vuole spingere ad agevolare quelle società piccole, spesso fatte di imprese artigiane che lasciano il capitale in azienda. In questo modo potranno usufruire di una tassazione che possiamo definire flat, ovvero fissa e senza aumenti. Tale tassazione inizierà ad essere operativa dopo l'approvazione definitiva della Legge di Bilancio 2017.

Il funzionamento dell'Iri prevede due diverse tipologie di pagamento.

Iri sui capitali

A seconda della scelta dell'imprenditore su come muovere il capitale della propria azienda, cambierà la tipologia di applicazione del'Iri. Per essere più chiari spieghiamo meglio il meccanismo: l'iri sul reddito dell'impresa rimane al 24 percento fisso, ma se i soci o l'imprenditore effettuano prelievi di capitale a titolo personale, l'iri si applicherà al 24 percento sul capitale residuo, mentre la quota in mano a chi l'ha prelevata sarà tassata secondo gli ordinari scaglioni Irpef. Il grosso vantaggio è che l'Iri prevede il pagamento dell'esclusivo reddito fatturato, quindi se non si viene pagati dal cliente, l'importo non riscosso sarà esente dalla tassa.

Iri e la domanda del cittadino: ma conviene davvero?

La domanda è difficile per poter dare una risposta certa, ma è abbastanza evidente che l'Iri sarà vantaggiosa per chi ha un'azienda molto piccola, esempio l'artigiano medio che non preleva continuamente capitale.

I migliori video del giorno

In questo caso egli giova di una buona tassazione e il vantaggio di non pagare tasse sui capitali non incassati. Le aziende invece che muovono molti utili e di elevate dimensioni, non gioveranno molto di questa novità. Bisogna riconoscere però che il grido delle piccole aziende che fino a oggi erano "strangolate dalle tasse", e molto spesso lamentavano il rischio di chiusura per i troppi debiti, oggi è stato ascoltato e possono gioire per qualcosa che almeno a loro potrà essere davvero utile.