La digitalizzazione dell'economia e, in particolare, dei pagamenti, sta entrando prepotentemente anche nella Pubblica Amministrazione. E', infatti, decollato, finalmente dopo diversi rinvii e ritardi come fa notare il sito de La Repubblica, il progetto pagopa, che permette ai cittadini-contribuenti di pagare il bollo auto e non solo [VIDEO] attraverso il proprio PC senza doversi muovere da casa e sottoporsi ad estenuanti code allo sportello. Per di più, ottenendo anche dei vantaggi e degli sconti anche importanti.

Non perdere gli ultimi aggiornamenti Segui il Canale Tasse

Vediamo, quindi, più nel dettaglio di cosa si tratta, cosa può essere pagato attraverso questa nuova modalità online e, soprattutto, quali vantaggi garantisce.

Le novità sul bollo auto

A parte la querelle sulla sua rimodulazione o sulla sua totale abolizione che, in questa ultima settimana di campagna elettorale, sta dividendo le forze politiche alla ricerca del consenso necessario a vincere le elezioni politiche del 4 marzo 2018, sul bollo auto bisogna registrare l'attivismo, principalmente, delle Regioni, come ad esempio la Lombardia che offre uno sconto dei 10% a chi utilizza la domiciliazione bancaria per il pagamento della tassa automobilistica.

Possono beneficiare dello sconto sia le persone fisiche che acquistano veicoli nuovi che le persone giuridiche che usano la modalità cumulativa dei pagamenti mediante domiciliazione.

Le opportunità offerte da PagoPa

A queste modalità ora si aggiunge PagoPa. Con questa nuova forma di pagamento è possibile pagare il bollo auto utilizzando anche la Postapay, la Paypal e il circuito Satispay. Inoltre, a breve dovrebbe essere inserito anche Jiffy di Sia e Masterpass. Ovviamente, questi non sono i soli vantaggi del nuovo sistema PagoPa.

Con la nuova modalità di pagamento sarà possibile saldare alla pubblica amministrazione anche i ticket sanitari, i contributi previdenziali delle colf e badanti, le multe o i voucher. Inoltre, il sistema permetterà di pagare anche tramite edicole e tabaccai, oppure attraverso l'ATM.

Inoltre, sui pagamenti verso la pubblica amministrazione effettuati attraverso il circuito PagoPa e, in particolare, con Satispay durante il 2018 non si pagheranno alcun tipo di commissioni. Ma non tutti i metodi sono esenti da commissioni di pagamento. Comunque PagoPa rende trasparente questo fattore così che l'utente può scegliere la modalità dove risparmia.

Queste facilitazioni sono già realtà. Ad esempio, per quanto riguarda le multe extraurbane elevate dalla Polizia Municipale, diversi Comuni si stanno attrezzando per farle entrare nel nuovo circuito. Ma, ad esempio, a Palermo questo è già possibile e a Milano lo sarà da giugno 2018. E anche il Comune di Roma [VIDEO], a breve, dovrebbe aderire. Attualmente le pubbliche amministrazioni aderenti sono circa 13 mila, ma come mettono in evidenza dal Team Digitale della pubblica amministrazione si lavora per ottenere una totale adesione entro il 2019.