E' attivo sul web 'agendacie.interno.gov.it', il sito del Ministero dell'Interno che permette di richiedere online, presso il proprio Comune di residenza o dimora, un appuntamento per il rilascio della nuova CIE, la Carta d’Identità Elettronica. Il servizio di prenotazione 'Agenda CIE', previa registrazione una tantum, attraverso la scelta di una username e di una password, è totalmente gratuito ed è stato realizzato per tutti i cittadini, di concerto con il Ministero dell'Interno, dall'Istituto Poligrafico e Zecca dello Stato.

Ma chi può richiedere la CIE, e quanto costa? Ebbene, in accordo con quanto riporta 'HelpConsumatori', la nuova Carta di Identità Elettronica ha un costo al rilascio pari a 22 euro e può essere richiesta da tutti coloro che hanno bisogno di rinnovare la carta di identità di cui si è in possesso in quanto questa è scaduta, così come possono richiedere la CIE coloro che hanno perso la carta di identità oppure questa è stata rubata.

Rispetto alla carta di identità classica, con la nuova CIE vengono introdotte nuove funzioni che vanno oltre quella che è l'identificazione del soggetto che la esibisce. Per esempio, con la Carta di Identità Elettronica, le cui dimensioni sono simili a quelle del tesserino sanitario, è possibile registrare e quindi rilevare tutta una serie di informazioni aggiuntive che spaziano dalle impronte digitali alla foto che, in bianco e nero, e stampata a laser, è tale da scongiurare i rischi legati a possibili contraffazioni.

Non perdere le ultime news!
Clicca sotto sull’argomento che ti interessa. Ti terremo aggiornato con tutto quello che non puoi perdere.
Pubblica Amministrazione

Così come nella nuova CIE si può specificare la propria volontà di donare organi e tessuti con tutti i riferimenti e le modalità di contatto, dalla posta elettronica al telefono e fino ad arrivare all'indirizzo di Posta elettronica certificata (Pec). In più, grazie al microchip incorporato presente nella Carta di Identità Elettronica, il cittadino può autenticarsi ai fini dell'accesso ai servizi digitali della PA attraverso il sistema pubblico di identità digitale (Spid).

In accordo con quanto riporta il sito del Ministero dell'Interno, al momento del rilascio della Carta di Identità Elettronica al cittadino vengono consegnati pure tre codici personali segreti. Uno di questi è il PIN che permette all'utente di identificarsi in tutta sicurezza, mentre il secondo codice segreto personale è rappresentato dal PUK che serve quando il cittadino dimentica il PIN oppure quando questo deve essere sbloccato dopo che per tre volte è stata sbagliata la digitazione.

Il terzo ed ultimo codice segreto personale è invece rappresentato dal CIP che impedisce l'uso del PIN da parte di terzi nel momento in cui la CIE viene smarrita oppure viene rubata. 

Segui la nostra pagina Facebook!
Leggi tutto