Il Daily Mail non è fonte attendibile per i redattori di wikipedia. L'enciclopedia on line ritiene che il giornale e la sua versione web non verificano le fonti e creano sensazionalismo con i loro articoli. La testata inglese non manca di dire la sua sulla vicenda affermando che è stato vietato a tutti i suoi giornalisti di usare Wikipedia come unica fonte già dal 2014 a causa della sua inaffidabilità.

L'argomento è quanto mai attuale e riguarda le fake news, le notizie false che troppo spesso trovano larga diffusione sul web e che sono state argomento di discussione nel mondo della tecnologia soprattutto dopo l'influenza che tali notizie hanno avuto durante le presidenziali americane. A cadere nella rete dei siti non attendibili, almeno per Wikipedia, è il quotidiano inglese Daily Mail e la sua versione on-line.

Pubblicità
Pubblicità

Wikipedia banna il Daily Mail

La Wikimedia Foundation, che gestisce Wikipedia, ma non controlla i processi di editing, ha dichiarato che gli editori volontari Wikipedia in lingua inglese hanno discusso l'affidabilità del quotidiano britannico dall'inizio del 2015. Una discussione lunga che ha visto commenti a favore e commenti contro il ban della fonte in oggetto.

Il risultato è che l'enciclopedia on-line Wikipedia ha invitato i collaboratori a rimuovere gli oltre 12.000 collegamenti alle pagine del Daily Mail perché non è più ritenuta fonte attendibile per il suo modo di promuovere le notizie creando sensazionalismo e per la scarsa verifica delle notizie pubblicate.

La risposta del Daily Mail

Sulla vicenda è intervenuto il diretto interessato, un portavoce del Mail in versione cartacea, che ha dichiarato che solo una piccola parte dei milioni di collaboratori di Wikipedia sono stati interpellati e che non sapeva se "ridere o piangere" alla decisione presa dalla famosa enciclopedia realizzata dal contributo di utenti volontari.

Secondo il portavoce è a rischio la libertà di espressione ed ha ricordato a The Guardian che lo scorso anno il Daily Mail e MailOnline insieme hanno pubblicato più di mezzo milione di storie e solo due richiami ciascuno per imprecisione dal regolatore del settore nel Regno Unito.

Pubblicità

Segui la nostra pagina Facebook!
Leggi tutto