Facebook ha senz'altro cambiato il modo di intendere internet. La rete era un grande strumento di comunicazioni, ma nessuno come Zuckberg e soci aveva pensato a quello che sarebbe diventato il social network più popolare al mondo: Facebook.

C'erano sistemi di messaggistica che permettevano di restare in contatto, impossibile dimenticare C6, Mirc e Msn. C'erano portali dedicati agli incontri, piattaforme in cui ognuno poteva condividere i propri pensieri e le proprie foto.

Programmi per chiamate e videochiamate. Nessuno, però, era riuscito a riassumere tutto in un qualcosa che fosse unico e che potesse diventare l'ecosistema in cui poter mantenere anche a distanza rapporti con colleghi, familiari, amici e semplici conoscenti. Facebook è stato tutto questo e per molti versi ha rappresentato un modo di coltivare le relazioni interpersonali in un modo diverso rispetto a quanto non accadesse fino a qualche anno fa.

Facebook: pronto ai cambiamenti

Facebook, ben presto, però, è diventato anche uno strumento commerciale per mezzi di informazione e brand che volevano valorizzare i propri prodotti.

Da quel momento in avanti quella che, nel tempo, è diventata una timeline con gli aggiornamenti di pagine private e pubbliche, si è trasformata in un qualcosa sempre più piena di contenuti non sempre graditi dall'utenza. Tra fake news, portali che condividevano troppe notizie e fin troppi aggiornamenti che finivano per nascondere le informazioni su familiari ed amici, si era avuta la sensazione che Facebook fosse diventato quasi una rassegna stampa e un veicolo pubblicitario.

Non perdere le ultime news!
Clicca sotto sull’argomento che ti interessa. Ti terremo aggiornato con tutto quello che non puoi perdere.
Apple Android

Si era in un certo senso persa l'idea che fosse una piattaforma la cui mission era quella di far restare in contatto persone che già si conoscevano. E il feedback non è sfuggito allo staff di Zuckerberg che ha annunciato cambiamenti in tal senso a stretto giro di posta.

Tutti coinvolti: Apple, Windows e Android

Le novità dovrebbero riguardare tutte le piattaforme attraverso cui si fruisce di Facebook, poco cambia che si tratti di app o di un accesso fatto tramite browser.

Ci saranno dei piccoli cambiamenti che daranno maggiore priorità ai contenuti pubblicati da persone fisiche e non dai brand presenti sul social. Con questa scelta Facebook riuscirà a realizzare tre obiettivi: favorire la connessione tra i propri utenti, incentivare chi usa Facebook per fini commerciali a investire in pubblicità per ottenere visibilità e obbligare quest'ultimi a produrre contenuti di qualità per non finire inghiottiti in un sistema che li vedrà adesso partire dalle retrovie.

Segui la nostra pagina Facebook!
Leggi tutto