Dopo la morte di Pino Daniele sono stati veramente tantissimi i messaggi di cordoglio, specialmente da parte dei suoi colleghi, che hanno voluto mandare l'ultimo saluto al bluesman napoletano e lo hanno fatto soprattutto sui social network. Su "Twitter" e "Facebook" sono stati numerosi i messaggi di stima e affetto, che hanno commosso la famiglia di Pino Daniele. Sono però sorte polemiche sul web per l'atteggiamento di Albano. Vediamo perchè.

Albano non omaggia pubblicamente l'artista napoletano

Albano ha deciso di non omaggiare pubblicamente il suo collega Pino Daniele e ha giustificato la sua scelta affermando che si è sempre tenuto lontano da quelle che lui ha definito "ruffianate": "Non mi sono mai piaciute le ruffianate.

Con Pino Daniele non sono stato nè amico nè nemico. L'ho incontrato due volte nell'ultimo anno, a Courmayeur, a capodanno e ancora prima, a Roma". Tale atteggiamento di Albano non è di certo piaciuto ai fans dell'artista napoletano, i quali lo hanno attaccato duramente sul web. Sui social network si possono leggere vari messaggi contro il cantante pugliese. Ma Albano ha voluto chiarire la questione e lo ha fatto con una replica sul suo profilo "Facebook"; nel post, il cantante afferma che i fans di Pino Daniele hanno sbagliato a pensare che nel suo atteggiamento ci fosse malignità.

Pino Daniele, la replica di Albano sul suo profilo 'Facebook'

Nel post sul suo profilo "Facebook", Albano ha spiegato di non essersela sentita di rendere pubblicamente omaggio a Pino Daniele nella conferenza stampa di due giorni fa.

"E' vero, ho detto che non mi piaccono le cose forzate - ha spiegato Albano - non ho omaggiato Pino, perchè sarebbe stato triste ricostruire quell'enfasi e quell'atmosfera che solo lui era in grado di creare". Il cantante pugliese, poi, si è detto molto dispiaciuto di essere stato frainteso. Intanto, il settimanale "Oggi" riporta che Pino Daniele, per il 25% dei beni di cui per legge poteva decidere la destinazione, avrebbe privilegiato i figli più piccoli, avuti dalla seconda moglie Fabiola Sciabarrasi.

Segui la pagina Tecnologia
Segui
Segui la nostra pagina Facebook!