È della settimana scorsa la notizia che pirati informatici hanno fatto irruzione nella rete di hbo, il colosso di Hollywood, produttore, fra l'altro, della seguitissima serie Game of Thrones, il trono di spade'. Si è trattato di "un attacco informatico mirato, in cui è stato rubato del materiale", aveva dichiarato Richard Plepler, il CEO di HBO.

Pubblicità
Pubblicità

Sui siti di torrent, in cui vengono condivisi spesso illegalmente i file, avevano subito fatto la loro comparsa episodi inediti di due serie: "Ballers" e "Room 104". Secondo le riviste "The Hollywood Reporter" e "Wired", il pacchetto dei dati sottratti contiene anche molti documenti contrassegnati come “confidenziali”: relazioni su cause legali, offerte di lavoro a dirigenti di alto livello e messaggi email della presidente del dipartimento programmazione, Leslie Cohen.

Il Night King di Game of Thrones, il Trono di Spade, è l'immagine scelta dagli hacker
Il Night King di Game of Thrones, il Trono di Spade, è l'immagine scelta dagli hacker

Gli hacker sferrano il secondo attacco

Forti di un bottino che pare ammonti a ben 1,5 Terabyte, ecco che i pirati, oltre a pubblicare il copione di cinque episodi di Game of Thrones, mandano ad HBO un video in cui, in un testo scorrevole, comunicano la richiesta di riscatto. Una somma nell'ordine di milioni di dollari, pare, da pagarsi in Bitcoin. Pena, la messa online di altro materiale. Il calcolo dell'importo richiesto è presto fatto: siccome gli hacker, che si danno il nome di Mr.

Pubblicità

Smith, dicono di guadagnare annualmente dai 12 ai 15 milioni di dollari, grazie al furto di dati e al ricatto ai danni delle imprese, pretendono ora da HBO semplicemente il corrispettivo per sei mesi di lavoro.

Gli hacker consigliano una scelta saggia

Nel loro messaggio i Mr. Smith fanno anche in conti in tasca ad HBO, che sostengono spenda “12 milioni di dollari per ricerche di mercato e 5 milioni per reclamizzare Game of Thrones”. La loro richiesta, quindi, altro non sarebbe che un'aggiunta al budget per le spese di pubblicità.

Nel testo minatorio si avverte l'azienda che la fuoriuscita di materiale potrebbe diventare un tremendo incubo e consigliano quindi di decidere in modo saggio, evitando il rischio di scombussolare i fan o di avvantaggiare i concorrenti. Il video si chiude con un'immagine presa da Game of Thrones: il Night King con le braccia alzate, la parola “standing”, su una mano e “falling” sull'altra: restare in piedi o cadere, queste sono le alternative, insomma.

Pubblicità

HBO non crede però che la rete informatica sia stata gravemente compromessa e dichiara di stare collaborando con polizia e cyberesperti.

Leggi tutto