Gianmarco Saurino è stato protagonista di un'intervista per il settimanale Tv mia. L'interprete dell'avvocato Nico Santopaolo in Che Dio ci aiuti ha svelato un rito alla quale non può mai rinunciare prima di andare sul set. L'attore, infatti, ha confessato che prima di girare una scena ascolta sempre un brano di musica classica.

Gianmarco Saurino, oltre a lavorare nella serie televisiva prodotta dalla Lux Vide, ha recitato sul set di Non dirlo al mio Capo 2 e Doc - Nelle tue mani. A breve è previsto anche il suo debutto cinematografico nel film Maschile singolare di Matteo Pilato e Alessandro Guido.

Saurino: 'Per interpretare meglio Nico ascolto musica classica a tutto volume'

Intervistato da Tv mia, Gianmarco Saurino ha svelato un suo retroscena legato al set, confessando che prima di entrare in scena segue un rito alla quale non può mai rinunciare: "Per interpretare meglio Nico, prima di recitare ascolto musica classica a tutto volume". Saurino ha precisato che per non disturbare gli altri si apparta in un angolo del set con indosso le sue cuffie.

Non è finita qui: l'attore ha fornito dei dettagli sui brani che ascolta. Se il personaggio che interpreta deve affrontare una scena difficile, Saurino ascolta i grandi maestri della musica classica come Vivaldi o Beethoven. Se invece deve recitare delle scene d'amore ascolta Tutte le volte di Eman.

Che Dio ci aiuti: Stefano Vicario annuncia le novità per contrastare il contagio da coronavirus

Che Dio ci aiuti, nonostante venga trasmesso in replica, riesce sempre a siglare degli ascolti molto alti. Nella puntata di giovedì 25 giugno ha raccolto davanti al piccolo schermo 2.277.000 telespettatori, conquistando uno share pari all'11,5%.

Il cast della serie è appena ritornato sul set per le riprese della sesta stagione e in un'intervista per Today il regista Stefano Vicario ha raccontato cosa cambierà in seguito alla pandemia da coronavirus.

Tra le tante certezze ci saranno le scene con i baci: "C'è un protocollo di tamponatura molto veloce per cui si raggruppano le scene in un periodo molto limitato, si tengono gli attori in sicurezza e si fanno".

Il regista ha ammesso che non sa se le nuove regole di sicurezza per contrastare il contagio rallenteranno le riprese della serie e non sa se influenzeranno negativamente la resa degli attori: "Alcuni di loro comprendono la salita e sono più concentrati, altri sembra che per ora non ne risentano.

Staremo a vedere". Intanto la messa in onda della sesta stagione è prevista su Rai 1 per il 2021.

Segui la pagina Serie TV
Segui
Segui la pagina Gossip
Segui
Segui la nostra pagina Facebook!