La settimana lavorativa è iniziata nel migliore dei modi per i migliaia di pendolari che utilizzano i servizi Trenord per il tragitto casa-lavoro. Da inizio settimana infatti i collegamenti gestiti dall'azienda sono oggetto di disagi e disservizi a causa del malfunzionamento del sistema informatico di assegnazione dei turni del personale.

Il software, non funzionante al momento, ha causato ritardi e la soppressione di molte corse causando il malumore della clientela costretta a lunghe attese e ad affrontare altre spese per arrivare a lavoro in tempo e per rientrare a casa a fine giornata. Ai disagi per il malfunzionamento della rete ferroviaria si aggiunge il gran freddo di questi giorni che non giova all'umore dei cittadini e la carenza di informazioni.

In tale contesto due associazioni dei consumatori, Federconsumatori e Adusbef,  hanno interpellato l'azienda Trenord perché  risarcisca i danni subiti ai cittadini ed è allo studio una class action contro la condotta dell'azienda di trasporti.

Non c'è pace per i pendolari tra scioperi programmati, aumenti delle tariffe e software sballati,  si sta per chiudere un 2012 caratterizzato da molti disservizi, tante promesse e investimenti a singhiozzo.  L’Italia è un paese che fa fatica ad avere una politica di infrastrutture seria e costante, tanti fondi dell’Unione Europea spesso tornano indietro a causa della burocrazia che attanaglia il nostro Paese ed è forse arrivato il momento di aprire il mercato ai privati sperando in un servizio migliore e in qualche treno in più.