Maurizio Gasparri, dalla Fiamma tricolore all'uccellino blu simbolo di Twitter. La sua nuova passione, oltre che la politica svolta fin dalla gioventù, sembra essere da qualche tempo proprio il #social network. Riposta definitivamente la fiamma e avendo abbracciato il progetto del Popolo della libertà prima e del ritorno di #Forza Italia poi, il Senatore - che è anche Vice Presidente del Senato - si diverte infatti a lanciare tweet al vetriolo che non cadono mai nel vuoto. Generando polemiche e contro-risposte anche per giorni.

L'ultimo tweet al veleno è contro la presentatrice di Raitre Lucia Annunziata. Il senatore si è divertito a giocare sul suo accento marcato salernitano.

Pubblicità
Pubblicità

Ecco cosa ha scritto.

Gasparri Vs Annunziata

Ieri alle 15:28, forse annoiato dall'assenza delle partite domenicali, ha scritto sul suo profilo: "Dige Lugia: come mai anno ghiuso la ppignarti e a me me fanno angora fare la drazmizzione? Misderi". Rievocando anche l'imitazione riuscitissima di Sabina Guzzanti di qualche anno fa. Del resto l'onorevole non ha mai nutrito simpatie per la giornalista, con ruggini che risalgono al Governo Berlusconi II e III di oltre dieci anni fa. Allora Gasparri era Ministro delle Telecomunicazioni e una epocale riforma della televisione porta anche il suo nome.

I precedenti

Ma come detto, non è il primo tweet al veleno di Gasparri. Il più discusso fu quello contro una fan del repper Fedez, presa in giro per il suo fisico. Si rifiutò di chiedere scusa e anzi le pretendeva lui.

Pubblicità

Definì poi Fedez anche "coso colorato". E ancora, contro un giovane emigrato a Londra, liquidato come un "lavapiatti". Durante i mondiali, in occasione di Germania-Argentina, sfotté la cancelliere tedesca Merkel, inquadrata dopo belle tifose argentine. Ma anche contro gli inglesi quando furono eliminati. Per non parlare quello contro Italo e il duo Montezemolo-Della Valle, sconsigliando di acquistarne le azioni perché ormai la compagnia è da considerarsi fallita. Contro Greta e Vanessa. Giusto per citarne alcuni. E aspettando i prossimi... #Twitter