La diga del pertusillo in queste ore presenta ampie zone scure che si intravedono all'interno del bacino idrico. Non solo, anche pesci morti, acqua inquinata e ancora nessuna spiegazione ufficiale dalle autorità per un fenomeno sicuramente anomalo e che non lascia molti spazi a dubbi. Risulta evidente come la salute dei cittadini è a rischio così come il delicato ecosistema intorno alla diga più volte finita sotto i riflettori dell'opinione pubblica lucana e nazionale.

Petrolio nelle acque del Pertusillo?

La domanda che sorge spontanea, vedendo le foto e il video qui di seguito, è se si tratti come è evidente di petrolio o sostanze inquinanti ciò che è visibile dall'alto nelle acque della diga della Val d'Agri.

In queste ore è intervenuta l'Agenzia per la protezione ambientale lucana, Arpab infatti dichiara che sono in corso i monitoraggi richiesti per capire i livelli di Inquinamento, dai sindaci e le autorità locali, sottolineando che i risultati di queste analisi saranno disponibili fra meno di quindici giorni e a disposizione della popolazione.

Il direttore generale dell'agenzia Arpab, Edmondo Iannicelli, durante l'incontro e conferenza avuto con i sindaci dell'Alta Val d'Agri, territorio in cui insiste la diga del Pertusillo, ha cercato di rassicurare le autorità e la popolazione, rassicurando che verrà fatta chiarezza su un'eventuale fuoriuscita di idrocarburi, fanghi e scarichi dalle vicine aziende di lavorazione e estrazione petrolifera.

Una possibile emergenza ambientale

Lo sbarramento artificiale conosciuto come Lago del Pertusillo è stato costruito tra gli anni Cinquanta e Sessanta, al fine di sfruttare le acque del fiume Agri per lo sviluppo dell'irrigazione nei terreni agricoli nel comuni di Grumento Nova, Montemurro e Spinosa. Con 155 milioni di metri cubi d'acqua è una delle dighe artificiali più grandi del mezzogiorno.

Negli anni successivi l'invaso è stato anche adattato alla produzione di energia idroelettrica, ma non solo, infatti ciò che più preoccupa è la potabilità dell'acqua, da cui infatti si dirama uno dei principali acquedotti pugliesi, potrebbe essere l'emergenza ambientale più importante degli ultimi tempi.

Segui la pagina Ambiente
Segui
Segui la nostra pagina Facebook!