Dei vermi dalle dimensioni considerevoli e dall'appetito insaziabile hanno invaso i territori francesi. Si tratta di specie originarie dell'Asia che possono raggiungere i quaranta centimetri di lunghezza e costituiscono un serio pericolo per l'ecosistema locale.

I vermi

Questi vermi piatti sono caratterizzati da colori molto accesi e una testa a forma di martello (per questo chiamati bipali), possono essere di diverse taglie in base alla specie a cui appartengono. Originari dell'Asia si sono diffusi in molti altri continenti a causa della globalizzazione dei trasporti.

Pubblicità

Alcuni esemplari sono stati avvistati anche in alcuni giardini italiani già da un paio di anni. I vermi piatti dalla testa a martello (come sono comunemente chiamati) sono predatori voraci, divorano vari tipi di insetti, lumache e lombrichi; sono conosciuti anche come vermi immortali per via di una loro peculiarità: se smembrati, infatti, possono moltiplicarsi, ovvero ogni parte separata dal corpo è in grado di generare un altro individuo completo e funzionale.

L'invasione

Un team di ricerca guidato dal professor Jean-Lou Justine, del Museo di Storia naturale di Parigi, ha condotto uno studio su questi esseri, che stanno diventando un serio pericolo per l'ecosistema francese.

Il team ha individuato cinque specie che proliferano sul territorio, tra cui il Bipalium Kewense e il Diversibipalium Multilineatum che possono raggiungere delle dimensioni impressionanti (fino a quaranta centimetri di lunghezza). La più pericolosa, tuttavia, è il Bipalium Vagum (più piccolo degli altri due e caratterizzato da una colorazione blu molto appariscente) perché presente in più grande quantità. Tutte le popolazioni che sono state studiate sono state originate dalla riproduzione asessuata di un unico individuo, questo significa che tutti gli individui possiedono lo stesso identico corredo genetico (sono cloni).

Pubblicità

La grande quantità di questi vermi piatti mina la biodiversità degli ecosistemi francesi a causa dell'enorme appetito delle creature. Il pericolo più grande arriva dalla loro predilezione per i lombrichi, i principali responsabili della fertilità dei terreni agricoli. Se la situazione non migliorasse, questa invasione potrebbe arrecare disturbi persino all'ecosistema della Francia. Lo studio ha rivelato che la presenza dei vermi dalla testa a martello sul territorio è già nota da diversi anni, nessuno però ha pensato a un intervento tempestivo e per questo le specie hanno potuto proliferare.

In Italia la situazione non è grave, tuttavia una specie dal colore giallo striato di marrone e stata rinvenuta in alcuni giardini bolognesi.