La prova brillante della Juventus contro il Real Madrid, specie nel primo tempo, pone nuovi interrogativi per lo schieramento tattico dei bianconeri: meglio il collaudato 3-5-2 oppure il 4-3-3 visto contro gli spagnoli?

Il tecnico salentino, al termine della partita, ha subito precisato che il nuovo schema voleva essere unicamente un'alternativa "europea" al modulo di gioco tanto caro ad Antonio Conte e che gli ha permesso di vincere gli ultimi due Campionati di Serie A: resta il fatto, però, che tutti hanno potuto constatare come la Juventus, vista contro il Real, abbia offerto sprazzi di bel gioco, con movimenti imprevedibili e scambi in velocità che i tifosi, ormai, si erano scordati da tempo.

Non perdere gli ultimi aggiornamenti Segui il Canale Juventus

E allora i tifosi si stanno chiedendo: perchè giocare con questo schieramento tattico solo in Champions League? Guarda caso, proprio domenica sera la Juventus dovrà giocare un altro match di notevole importanza contro il Napoli di Rafa Benitez: considerando il fatto che il tecnico spagnolo adotta un 4-2-3-1 molto "europeo" (lo stesso schema del Bayern di Guardiola), sono in moltissimi a chiedersi se Conte opterà per il 4-3-3 oppure deciderà di tornare al 3-5-2.

Fino a domenica ci sarà tempo per decidere, anche se l'allenatore della Juventus sembra propenso per il ritorno alla difesa a tre, con il ritorno di Giorgio Chiellini, squalificato contro il Real, al fianco di Andrea Barzagli e Leonardo Bonucci.

Attenzione, però, perchè la scelta del modulo potrebbe rivelarsi una chiave tattica fondamentale: infatti, con il 3-5-2, la Juventus potrebbe ritrovarsi in grandi difficoltà, specie di fronte ai trequartisti napoletani (con tutta probabilità, Insigne,Callejon e Hamsik) in grado di creare superiorità numerica in fase di ripartenza.

Se poi, teniamo conto la grande abilità di Gonzalo Higuain nel giocare di sponda e favorire questo tipo di inserimenti, il 3-5-2 potrebbe rivelarsi una scelta poco conveniente: i tifosi bianconeri ricordano perfettamente quali disagi subì la retroguardia bianconera proprio in occasione del match contro il Bayern di Monaco dove il centravanti Mandzukic si rivelò fondamentale per gli inserimenti da dietro di Muller, Ribery e Robben, guardacaso, anch'essi bravissimi nel saltare l'uomo.

I migliori video del giorno

E allora, per la Juventus sarà 3-5-2 oppure 4-3-3? Lo scopriremo solo domenica sera.