Domani, primo agosto a partire dalle 17:30, il Genoa di Gian Piero Gasperini torna in campo a tre settimane dall’avvio del campionato che, all’esordio, vedrà il Grifone fare visita al Palermo degli ex Munoz e lo stesso tecnico piemontese. La partita di domani opporrà il Genoa all’Herta Berlino, nel prestigioso impianto della capitale tedesca. Sulla carta il Grifone parte svantaggiato ma a prescindere dal risultato saranno in tanti nell’ambiente a cercare qualche risposta dal probante test contro una formazione decisamente più avanti nella preparazione.

Le scorie austriache e le amichevoli deludenti

Che il Genoa sia imballato è palese, prova ne è la quasi totale assenza di movimenti senza palla nelle due sfide con Cesena e Pro Piacenza, con pochissimi acuti in zona goal e una difesa che appare poco sicura ben al di là di qualunque involuzione dei singoli. Eppure il campionato incombe e, oltre a una condizione fisica all’altezza, il Genoa dovrà ritrovare movimenti e automatismi (anche altri rispetto al recente passato) in un organico che in pochi mesi è stato più volte modificato con le cessioni pesanti quanto intevitabili.

Coi berlinesi, per evitare figuracce, occorrerà la gamba e anche un minimo di testa specialmente nei tanti confermati che ancora non sembrano calati nel nuovo scenario di un Genoa da reinventare e indietro rispetto a quanto ci si aspettasse sia a livello fisico che tecnico/tattico. Su questo punto è stato molto chiaro Gasperini dopo la Pro Piacenza, così come inequivocabile è il pensiero del tecnico sulle questioni Perotti e Kucka: comunque debbano concludersi, che sia presto.

Non perdere le ultime news!
Clicca sotto sull’argomento che ti interessa. Ti terremo aggiornato con tutto quello che non puoi perdere.
Calciomercato Genoa

In questo senso, appaiono prive di fondamento le voci che vorrebbero Perotti in partenza negli ultimi giorni di trattative, destinazione Inter o qualche big che non fosse riuscita a centrare qualche obiettivo prioritario.

Intanto arriva Ntcham

Nella giornata di ieri è giunto a Genova anche Ntcham, giovane centrocampista proveniente dal Manchester City con la formula del presito biennale con riscatto e controriscatto a favore dei Citizens: tradotto, fra due anni il Genoa potrebbe incassare un sostanzioso premio per la valorizzazione del giovane talento che in tanti hanno associato a mostri sacri come Viera, a cui lui stesso si ispira.

Con questo innesto, di qualità e spessore, il Grifone rafforza un centrocampo che appare il reparto più competitivo della squadra, potendo contare anche su elementi come Rincon (il più in forma) Costa, Tachtsidis e (per ora) Kucka.

Per capire la dimensione del Genoa toccherà conoscere quella dei vari Gakpe, Cisshoko e Lazovic, auspicando che i “vecchi” si confermino, Pandev faccia il Pandev e Diogo si riveli esterno di livello superiore.

Se fosse risolta la questione Perotti (con rinnovo e adeguamento) e si coprisse il buco sulla fascia sinistra, il Genoa ancorché cantiere aperto inizierebbe a fornire nuovamente indicazioni di un certo tipo che, in ogni caso, possono e devono arrivare anche da Berlino. L’attesa del miglior Genoa non spaventa l’ambiente RossoBlu, che ha imparato a “portare pazienza” come suggerito ironicamente dai tifosi dell’altra squadra genovese ai quali, per ragioni differenti, sarà evidentemente necessario ricorrere al medesimo sentimento.

Segui la nostra pagina Facebook!
Leggi tutto