Non tutte le storie d'amore hanno un lieto fine; una di queste è quella tra Mario Gomez e la Fiorentina. Il divorzio tra le parti sembra vicino. Ma andiamo con ordine. Tutto era iniziato nel migliore dei modi. Luglio 2012, Firenze era bollente e non solo per il caldo. Voci su voci, rumori costanti. La città gigliata e i suoi tifosi non aspettavano altro, Mario Gomez alla Fiorentina. Ma a Firenze ancora nessuno ci credeva, dopo anni di acquisti non troppo importanti, di bidoni e di bidonate da parte di tanti calciatori sul punto di firmare, arrivava un top player.

Più di duecento goal in Germania, punta essenziale, prima dello Stoccarda e poi del Bayern Monaco, due squadre vincenti. La città era in subbuglio. Gruppi di tifosi andavano allo scalo cittadino di Peretola ad aspettarlo. Ma Mario non arrivava, fino a quando l'ACF Fiorentina ne dichiarò l'ufficialità. E come nelle grandi squadre europee la presentazione del giocatore dove avvenne? Allo stadio. Con 20.000 persone.

Era luglio e lo stadio era tutto un coro per il tedescone. Da lì in poi il buio.

Due anni fatti di infortuni, prestazioni non al top e poche reti. E pensare che quel campionato iniziò nel migliore dei modi. Una coppia con Pepito Rossi che sfondava difese. Ma durò poco, perché entrambi si infortunarono. I tifosi fiorentini ricordano chi passa sul prato dell'Artemio Franchi. E ci sono poche segnature da ricordare.

Non perdere le ultime news!
Clicca sotto sull’argomento che ti interessa. Ti terremo aggiornato con tutto quello che non puoi perdere.
Fiorentina Calciomercato

Su tutte quella alla Juventus in Europa League.

E pensare che Firenze si è anche divisa sul "Panzer". Chi amava Mario e chi non lo voleva più. Chi aveva fiducia e chi invece pensava fosse meglio darlo via. Ed adesso, in una città ancora più calda di quel luglio, Mario Gomez sta per salutare tutti. Il tedesco è tenuto sott'occhio dal Besiktas, con cui si sarebbe già accordato. Alla Viola 8 milioni di euro, al giocatore un contratto biennale da 3.5 milioni per stagione.

E ora a Firenze chi arriva? Perso Salah, davanti manca velocità e peso. I nomi più caldi sono Mattia Destro e Fabio Borini. L'altro obbiettivo Calleri sembra sfumato almeno fino al mercato invernale.

Segui la nostra pagina Facebook!
Leggi tutto