'Sabato prossimo inizia il nostro campionato di Serie A' sono le parole pronunciate da Mister Massimiliano Allegri, quasi a voler dimenticarsi in fretta del doppio scivolone, allo Stadium contro l'Udinese e all'Olimpico contro la Roma.

Finalmente sarà la 'sua Juventus', con la piena convinzione che la squadra 'possiede tutte le potenzialità per disputare una grande stagione': l'importante sarà 'rimettersi in discussione' perchè solo così si potranno ottenere degli ottimi risultati.

News Juventus-Chievo: Morata, leggero stato influenzale

Siamo a meno due dalla gara di sabato prossimo contro il Chievo, con calcio d'inizio allo Stadium fissato per le ore 20:45: oggi Allegri potrà riavere finalmente a propria disposizione anche Pereyra e Caceres, gli ultimi a rientrare dagli impegni con le rispettive nazionali.

La formazione che dovrebbe scendere in campo dal primo minuto sarà quella anticipata nei giorni scorsi, anche se resta qualche dubbio legato all'impiego immediato di Alvaro Morata, costretto ieri ad abbandonare anzi tempo l'allenamento a causa di un leggero attacco influenzale: l'attaccante spagnolo vuole esserci a tutti i costi ma, in ogni caso, è pronto Mandzukic. Per il resto, avremo modo di vedere il nuovo acquisto Alex Sandro, impiegato sulla fascia sinistra al posto dello squalificato Evra e l'esordio stagionale di Claudio Marchisio che andrà a riprendersi il ruolo di play maker che Allegri gli ha affidato ad inizio stagione.

Juventus, Hernanes: 'Per le punizioni non ci sono soltanto io'

Hernanes, anch'egli atteso all'esordio sabato prossimo, è convinto che la Juve sia ancora la squadra da battere in Italia e una delle formazioni favorite per la vittoria in Champions League. Il 'Profeta' ha dichiarato di aver subito compreso la mentalità della società bianconera che punta sempre a dare il massimo nelle proprie prestazioni.

Non perdere le ultime news!
Clicca sotto sull’argomento che ti interessa. Ti terremo aggiornato con tutto quello che non puoi perdere.
Juventus

Hernanes non si sente l'erede di Andrea Pirlo, per quanto riguarda i calci di punizione: 'ci sono tanti miei compagni che sono bravi a battere le punizioni: in ogni caso, sono un candidato anch'io, poi vedremo sul campo' ha tagliato corto il brasiliano.

Segui la nostra pagina Facebook!
Leggi tutto