Il Milan si prepara ad una nuova, inaspettata, rivoluzione. La squadra di Siniša Mihajlović era partita, ad inizio campionato, con l'obiettivo di tornare in Europa, magari, se possibile, di agguantare almeno il terzo posto, che dà diritto alla partecipazione dei preliminari della Champions League 2016. Purtroppo per i rossoneri, però, dopo un discreto precampionato, le certezze di inizio stagione si sono sgretolate per via delle sconfitte contro Fiorentina, Inter, Genoa e Napoli: in difesa, il Milan fa acqua da tutte le parti, avendo subito ben 13 reti in sole 7 gare (soltanto il Carpi ha fatto peggio in Serie A), ed a centrocampo le cose non vanno poi così meglio.

Deludenti, finora, due tra gli acquisti più onerosi della campagna acquisti estiva, quali Alessio Romagnoli ed Andrea Bertolacci, pagati rispettivamente 25 e 20 milioni alla Roma, mentre, seppur a sprazzi, soltanto Carlos Bacca ha dato prova del suo effettivo valore. In virtù di tutto questo, la classifica, per il momento, piange: il Milan è già distanziato di 9 punti dalla Fiorentina capolista, e di 7 dai cugini dell'Inter, e, per recuperare in fretta posizioni, bisognerà ricominciare presto a vincere.

A partire dalla gara di sabato sera, a Torino, contro i granata di Giampiero Ventura, dove Mihajlović, si presume, cambierà molto. Dalla tattica (non più 4-3-1-2, ma 4-4-2 o 4-3-3) agli uomini, con spazio, verosimilmente, ad Alessio Cerci dal 1'.

Aiuti dal mercato di gennaio per tornare a risalire la classifica?

Il tutto, in attesa dell'arrivo di gennaio, mese in cui il Milan interverrà robustamente nel Calciomercato definito 'di riparazione', pronto a mettere mano, in particolar modo, proprio nei due settori che, finora, stanno pagando dazio più degli altri, per l'appunto la difesa ed il centrocampo.

Non perdere le ultime news!
Clicca sotto sull’argomento che ti interessa. Ti terremo aggiornato con tutto quello che non puoi perdere.
Serie A Milan

In difesa, così come riportato questa mattina dal 'Corriere dello Sport', potrebbe essere imbastita una trattativa con il Genoa per portare in rossonero il 28enne centrale francese Sebastian De Maio, una delle colonne della formazione ligure; resta sempre viva, comunque, la pista che porta al difensore interista, Andrea Ranocchia. A centrocampo, secondo quanto riportato invece da 'Tuttomercatoweb', potrebbe clamorosamente riaccendersi la pista che porta ad Axel Witsel, 26enne interno dello Zenit, protagonista in questo avvio di stagione con la maglia dei russi soprattutto in Champions.

Non solo acquisti: lasceranno Milanello Alex e José Mauri

L'affare Witsel, però, potrebbe concretizzarsi, però, soltanto dietro pagamento di almeno 30 milioni di euro per un acquisto a titolo definitivo del cartellino del giocatore. L'operazione, pertanto, richiederebbe un ulteriore, grande sforzo economico della società rossonera, non utopistico qualora la cordata di imprenditori che fa riferimento a Bee Taechaubol decidesse di investire nel mercato di gennaio per risollevare le sorti della squadra.

Al contempo, però, qualche giocatore svuoterà sicuramente il proprio armadietto a Milanello. Andrà via con tutta probabilità il 33enne centrale brasiliano Alex, il quale, sempre secondo TMW, potrebbe decidere di anticipare di sei mesi il ritorno in patria, visto anche lo scarso utilizzo riservatogli da Mihajlović. A centrocampo, partirà certamente il 19enne italo-argentino José Mauri, che finora non ha mai messo piede in campo, ed al quale sono interessate ben tre squadre della massima serie (Chievo, Sassuolo, Atalanta).

Segui la nostra pagina Facebook!
Leggi tutto