Ultimo giro di bevute, il bar sta chiudendo, il sole se ne va, è la scena finale diCarlito’s Way, descrive in modo paradigmatico il momento che sta attraversando laRoma, che stasera si gioca tutto nell’ultima partita del girone di Champions Leaguecontro il Bate. Dentro o fuori, niente appelli, banditi i prosaici forse, vorrei, musica per organi caldi direbbe CharlesBukowski.

Tornando ad Al Pacinosiamo all’ultimo centimetro, Garciadovrà necessariamente ripercorrere mentalmente il discorso di Tony D’amato “in questa squadra si combatte per un centimetro, in questa squadra massacriamo noi stessi e tutti quelli che ci stanno intorno per un centimetro, perché sappiamo che quando andremo a sommare tutti quei centimetri il totale allora farà la differenza tra la vittoria e la sconfitta, tra vivere e morire”.

Alle 20,45 nelle flebili e compassate luci dell’Olimpico la squadra di Garcia si gioca il passaggio agli ottavi di Champions, con il rientrante Salah e Dzeko centravanti, ci si affida alla speranza perché le idee sono poche e confuse, la difesa vulnerabile e per quanto riguarda l’attaccante bosniaco siamo ancora nella fase di “aspettando Godot”.

Nell’intervista a Mediaset Premium, Garcia si rivolge ai tifosi “Sì, questa partita è come un derby: non si gioca, si vince. Non dobbiamo fare calcoli su altri risultati tra Leverkusen e Barcellona.

Vogliamo dimostrare di avere più voglia dell’avversario e raggiungere il nostro traguardo: qualificarci per gli ottavi. Una partita decisiva in Europa non capita spesso a Roma e una ce ne sarà domani. Speriamo che i tifosi ci spingeranno domani perché saremo più forti con l’aiuto di tutti. Ma lo abbiamo dimostrato che possiamo fare grandi cose, come nel derby, che non è tanto lontano”.

Il tecnico del Bate ci crede, la formazione bielorussa è a Roma da una settimana e tra una gita e l’altra prepara senza stress l’incontro, sapendo che male che vada sarà comunque un successo.Alla Roma potrebbe bastare anche un pareggio se ilBayer Leverkusennon vincesse contro il Barcellona.Ma non è il momento di calcoli e tabelle, stasera serve solo strepito e furia.

Segui la pagina Champions League
Segui
Segui la pagina A.S. Roma
Segui
Segui la nostra pagina Facebook!