Clima pesante ad Appiano dopo la sconfitta in casa con la Sampdoria che ha definitivamente cancellato le speranze di Champions dell’Inter. Riprendere dopo una simile delusione non è facile: c’è il rischio che la squadra si lasci andare come già successo in passato, pregiudicando anche l’accesso all’Europa League. Stefano Pioli lo sa bene e quindi cerca di motivare i suoi: “Il campionato non è finito lunedì, abbiamo la possibilità di dimostrare che siamo un’ottima squadra, di tornare a far vedere il lavoro fatto finora e di impostare il nostro futuro”.

Il mister ammette che già prima dell'ultima gara la Champions era un sogno, difficilissima da raggiungere, ma fino a quel momento si è fatto comunque di tutto per giocarsela. Ed è sbagliato dimenticarsi troppo facilmente del percorso realizzato in questi mesi: “La media punti è stata alta, finché non siamo venuti a mancare; serve più attenzione – aggiunge Pioli – non siamo perfetti, ma rimaniamo comunque forti”.

Ripartire subito

Per questo la partita di domenica contro il Crotone è importante per il mister: la squadra è sempre riuscita a saper ripartire; ora bisogna mostrare in campo i valori e il livello di competitività dell’undici. Pioli non vuol sentir dire che gli avversari, che hanno appena battuto il Chievo e sperano di poter ancora combattere per la salvezza, siano gli unici ad avere delle motivazioni: “Anche noi abbiamo molto da dire, per riprenderci dopo la brutta sconfitta da cui veniamo”.

Non perdere le ultime news!
Clicca sotto sull’argomento che ti interessa. Ti terremo aggiornato con tutto quello che non puoi perdere.
Inter Fiorentina

L’allenatore dei nerazzurri non può evitare di ripercorrere quella gara: ”Non abbiamo interpretato con lucidità il secondo tempo con la Sampdoria; in alcune situazioni ci siamo allungati e aperti, concedendo agli avversari numerosi duelli individuali, che si possono anche perdere. Dobbiamo essere più solidi e riuscire a subire meno gol: rimane da rivedere la fase di non possesso palla”.

Dubbi a centrocampo

Pioli ne ha parlato molto con i ragazzi in settimana: la partita è stata ripetutamente analizzata ed è emerso chiaramente come l’Inter sia stata troppo poco una squadra nella ripresa.

Ora bisogna trasformare la delusione in voglia di ripartire. I dubbi sono a centrocampo, dove non ci sarà l’acciaccato Gagliardini: qualcuno ipotizza un ritorno di Medel, altri l’impiego di Joao Mario, “un centrocampista completo che può svolgere tutti i ruoli, che ultimamente non ha giocato solo perché c’era chi stava meglio”, altri ancora una possibilità di riscatto per Brozovic. Pioli analizza l'operato del suo giocatore: “Con la Sampdoria ha commesso un errore gravissimo con quel fallo di mano in area, è normale che la sua prestazione sia giudicata negativa, ma è stato anche il giocatore che in quella gara ha fatto più passaggi utili e corso più di tutti”.

Quello che il mister chiede ai suoi è tanta concentrazione: “Anche a causa della sosta non vinciamo una partita da quasi un mese, non possiamo più permetterci distrazioni per dimostrare a tutti quanto valiamo davvero”.

Segui la nostra pagina Facebook!
Leggi tutto