In testa alla classifica del campionato italiano, oltre a Juventus e Napoli, a punteggio pieno c'è anche l'Inter, un po' a sorpresa, visto il calendario dei nerazzurri chiamati ad affrontare la Fiorentina dell'ex Stefano Pioli all'esordio, la Roma allo stadio Olimpico nel match prima della sosta - già una sorta di scontro diretto per la Champions League - e la Spal nella sfida di domenica. La squadra di Luciano Spalletti non solo ha vinto, ma ha mostrato anche una buona solidità difensiva, subendo un solo gol (contro la Roma, che ha colpito anche tre pali ma lo ha fatto sempre con tiri dalla distanza) e mettendone a segno otto.

In grande spolvero il capitano Mauro Icardi, autore di cinque gol in tre match, ed Ivan Perisic, che ha messo a segno due reti e tre assist fino a questo momento, e che domenica ha celebrato al meglio il rinnovo di contratto fino al 2022 con un eurogol nel sette.

Nonostante un mercato al di sotto delle aspettative rispetto ai nomi altisonanti emersi tra giugno e luglio, l'Inter comincia ad essere considerata una seria candidata per la lotta-scudetto, come outsider nella sfida tra Juventus e Napoli.

Inoltre i nerazzurri quest'anno non saranno impegnati nelle coppe durante la settimana, a differenza di tutte le altre rivali (Juventus, Napoli e Roma in Champions League, Milan e Lazio in Europa League).

Il parere di Massimo Mauro

Questa considerazione è stata fatta anche dall'ex calciatore di Juventus e Napoli, Massimo Mauro, che ha parlato anche della solidità dell'Inter e di quello che serve per poter restare in cima alla classifica nel suo blog "Visti dall'ala".

Non perdere le ultime news!
Clicca sotto sull’argomento che ti interessa. Ti terremo aggiornato con tutto quello che non puoi perdere.
Serie A Inter

Ecco le sue parole:

"Nella giornata appena trascorsa c'è stata la grande conferma dell'Inter. I nerazzurri sono quelli che mi hanno fatto la miglior impressione in questa terza giornata di campionato, insieme a Napoli, Juventus e Lazio. L'undici di Luciano Spalletti ha mostrato una grande compattezza, pur avendo un centrocampo molto tecnico, è una squadra bella e piacevole da vedere. C'è un fattore su cui mi vorrei soffermare ed è quello della solidità, visto che se la squadra dell'ex allenatore della Roma sarà brava a crescere in questi termini, con le qualità che si ritrova, potrà andare molto lontano.

Inoltre c'è un fattore che aiuta ancor di più la squadra nerazzurra: è quello di non giocare le coppe europee. Ovviamente giocare le coppe è un dovere per una grande squadra come l'Inter, ma il fatto di non giocarle per un anno, avendo un allenatore nuovo e molti giocatori nuovi non può che aiutare".

Segui la nostra pagina Facebook!
Leggi tutto