I top club europei sono sulle tracce di Maurizio Sarri. Dopo le indiscrezioni sull'interesse dell'Atletico Madrid per l'allenatore toscano, ora escono nuovi retroscena. Secondo quanto riportato dal giornalista della 'Rai' Ciro Venerato, durante il mercato estivo lo Zenit San Pietroburgo avrebbe fatto un'importante offerta per strappare il tecnico ad Aurelio De Laurentiis salvo poi virare sul neo tecnico Roberto Mancini. Un tentativo andato a vuoto vista la volontà del patron azzurro di non privarsi di un allenatore tra i migliori in Italia e che sta offrendo un calcio spumeggiante.

Sarri interessa anche in Inghilterra (West Ham) e in Italia. L'ex tecnico dell'Empoli vorrebbe continuare la sua avventura sotto l'ombra del Vesuvio ma la clausola rescissoria da 8 milioni e l'attuale ingaggio (1,5 milioni a stagione) potrebbero cambiare le carte in tavola e portarlo lontano da Napoli. Gli azzurri devono blindarlo: se non offrono 3-4 milioni, Sarri potrebbe decidere di cambiare aria. Il rapporto tra il presidente del Napoli e il tecnico azzurro vive di alti e bassi: lo scorso anno in occasione della partita persa contro il Real Madrid non sono mancati momenti di attrito ed il rapporto tra i due non era proprio idilliaco. Anche quest'estate l'allenatore non ha perso occasione per ribadire come senza acquisti non ha senso parlare di scudetto e che il mercato in entrata degli azzurri non ha fatto fare il salto di qualità definitivo alla squadra.

Un mercato ben diverso quello di squadre come Milan e Inter che hanno operato in entrata a suon di milioni. Difficile capire se il tecnico rinnoverà il contratto con il Napoli ma intanto il 6-0 rifilato al Benevento, il bel gioco e le quattro vittorie su quattro in campionato dimostrano quanto il lavoro dell'allenatore sia 'maniacale' con l'organico a disposizione.

Il Napoli continua a seguire Federico Chiesa

La sensazione è sempre quella, a ogni pallone toccato: quanto è forte Federico Chiesa. Il gioiellino della Fiorentina classe 1997 cresce di settimana in settimana: corsa, personalità, tecnica, convinzione in ogni giocata. Bellissimo il gol di destro che ha gelato Mirante che riportano alla mente quelli messi a segno dal papà, Enrico Chiesa.

All'estero in tanti hanno acceso i radar: in primis il Borussia Dortmund, ma anche alcuni club di Premier League hanno spedito alcuni scout per monitorare le prestazioni del giovanissimo attaccante. In Italia, il Napoli ha chiesto più di un'informazione sul ragazzo ma il presidente De Laurentiis non è riuscito a convincere la Fiorentina a privarsene. La società viola ne ha fatto l'unico vero intoccabile del suo mercato pieno di cessioni e l'entusiasmo di Federico nel rimanere a Firenze ha fatto la differenza. Intanto la Viola se lo gode, con il Napoli che ne segue costantemente la crescita.