Inter a caccia dell'ennesimo risultato utile consecutivo: magari una vittoria. E' con queste credenziali che la formazione nerazzurra si presenterà alla ripresa del campionato. Ad attendere gli uomini di Spalletti c'è un derby dove le pressioni potrebbero essere più forti su Montella e sul suo Milan, dato che i risultati sull'altra metà dei Navigli sono molto peggiori. L'Inter, in questi giorni, è al centro di un dibattito dove molti detrattori ritengono che il percorso quasi netto del sodalizio nerazzurro sia frutto del caso, alla luce di prestazioni non sempre all'altezza e di un gioco tutt'altro che spumeggiante.

Luciano Spalletti, in ogni intervista, non si è detto preoccupato ed anzi ha sottolineato di fidarsi ciecamente di questo gruppo di calciatori, per la voglia che mette in ogni singolo allenamento e per l'approccio che rivela in ogni partita.

Inter: cosa manca?

L'Inter, in questo momento, si allena a ranghi ridottissimi. Sono infatti solo nove i calciatori a disposizione del tecnico, tenuto conto che quasi tutti sono in giro per il mondo per onorare gli impegni con le rispettive nazionali. La sosta rappresenta un momento in cui è più facile fare riflessioni e capire su dove si può migliorare. E' innegabile che l'attuale proposta offensiva dell'Inter debba migliorare, confidando magari in un rendimento più continuo di elementi come Perisic e Brozovic che spengono e accendono la luce della squadra con le loro giocate.

Nel frattempo la dirigenza studia anche quali potrebbero essere le mosse di mercato, dato che risulta palese una panchina troppo corta nel settore centrale della difesa. Ma non si tratterà dell'unica potenziale operazione, poiché si stanno studiando delle soluzioni che possano rafforzare l'organico e ampliare la scelta dell'allenatore.

Inter: rispunta un vecchio 'nemico'

Inter e Fabio Capello sono due nomi che si sono sfiorati, ma non si sono mai toccati. Anzi spesso sono stati nemici, dato che il tecnico friulano ha allenato Inter, Roma e Juventus. Adesso allena l'altra squadra di Suning: lo Jiangsu. Nelle ultime settimane ha preso quota l'ipotesi secondo cui da Nanchino a Milano potrebbe arrivare il vice Icardi che risponde al nome di Roger Martinez, classe 1994.

L'operazione sembrava ben avviata,tenuto conto che la proprietà è la medesima, ma ad essersi messo di traverso rispetto al passaggio del giocatore a Milano è stato proprio Capello. Adesso tutto sembra più complicato.