Una delle incognite ancora irrisolte in questa prima parte della stagione, in casa Inter, riguarda sicuramente il centrocampista croato, Marcelo brozovic. Il giocatore, anche in questo campionato, sta avendo alti (pochi) e bassi (tanti) anche se c'è da dire che un infortunio al soleo sinistro lo ha tenuto fuori dal campo per poco meno di un mese tanto da essere rientrato solo due settimane fa nella lista dei convocati, giocando solo due spezzoni di partita contro il Verona e contro il Torino. Prima dell'infortunio il croato era riuscito a mettersi in mostra mettendo a segno una doppietta contro il Benevento, fondamentale per la vittoria finale (la partita è finita 2-1).

Lo stop in nazionale ha fatto si che poi il tecnico Luciano Spalletti si affidasse a Borja Valero nel ruolo di trequartista, avendo ottimi risultati, con l'ex Dinamo Zagabria e Joao Mario relegati stabilmente in panchina.

Brozovic ha rinnovato il contratto lo scorso anno, con l'inserimento di una clausola rescissoria da cinquanta milioni di euro valida solo per l'estero. Lo scorso anno le prestazioni avute nel primo periodo sotto la guida di Stefano Pioli avevano portato il Manchester United a pensare di pagare quella clausola prima che ci fosse il calo e prima che i Red Devils spostassero il loro obiettivo su Ivan Perisic, in quello che è stato un vero e proprio tormentone estivo.

Il problema di Brozovic

Brozovic, nel corso della sua avventura all'Inter, però, ha sempre sofferto di alti e bassi, con periodi in cui sembrava essere uno dei migliori centrocampisti al mondo ed altri in cui era il giocatore più fischiato dai propri tifosi. Ha parlato del centrocampista croato l'ex difensore ed ex capitano storico dei nerazzurri, Beppe bergomi, attuale opinionista di Sky Sport, che proprio ai microfoni di Sky, poco prima di Grecia-Croazia ha dichiarato:

"Si tratta di un calciatore che deve trovare continuità.

E' molto duttile visto che è in grado di giocare in tre ruoli diversi in mezzo al campo e può essere schierato a seconda delle preferenze e delle esigenze dell'allenatore. Il problema di Brozovic è mentale, quello di saper gestire la maglia dell'Inter che non sempre è facile. C'è da dire, però, che con la maglia della Croazia trova sempre spazio".

Proprio il rendimento di Brozovic e di Joao Mario, al di sotto delle aspettative, ha portato Spalletti a chiedere un rinforzo in mezzo al campo e, molto probabilmente, arriverà il brasiliano Ramires dallo Jiangsu in prestito a gennaio.