Alla fine De Zerbi e i suoi sono riusciti a spezzare la maledizione dei tre punti. La vittoria contro il Chievo è la prima storica vittoria in serie A per la squadra campana. Al minuto 64 è arrivata la fine dell'incubo per il Benevento e i suoi tifosi.

La fine di un incubo

Stiamo parlando, ovviamente, di incubo sportivo, i sanniti erano ancora alla ricerca dei primi tre punti in serie A, dopo ben 17 sconfitte in 18 gare. L'unico punto era arrivato nel 2-2 contro il Milan, grazie al gol capolavoro dell'uomo che non ti aspetti, il portiere Alberto Brignoli.

Tornando alla prima vittoria ottenuta ieri, a decidere la gara è stata è stato Massimo Coda: la punta, ex Salernitana, in un solo colpo è riuscito a sbloccarsi e a dare una vittoria storica alla sua squadra. I numeri del Benevento rimangono impietosi, ma la squadra di De Zerbi in molte gare è stata pure sfortunata, perdendo molte partite di misura o negli ultimi minuti di gara. Ben 9 le sconfitte di misura, tra cui le sconfitte oltre il 90' contro Bologna, Torino e Genoa, dove i sanniti la settimana scorsa hanno perso al 94'.

Oltre a queste sconfitte sfortunate e immeritate, ricordiamo la grandissima prestazione all'Allianz Stadium contro la corazzata Juventus, dove la compagine di De Zerbi ha perso solo per 2-1, non demeritando e mettendo più di una volta in crisi i più quotati avversari.

Un'altra gara sfortunata è stata contro l'Inter, dove il Benevento ha perso per 1-2, sfiorando più volte il pari e colpendo addirittura due legni. Finora, in campionato, il Benevento in 19 gare ha realizzato solo 10 gol, subendone ben 41. Pesano in negativo il 6-0 subito al San Paolo nel derby contro il Napoli, l'1-5 subito al Vigorito contro la Lazio e lo 0-4 sempre al Vigorito contro la Roma.

Una vittoria che non serve molto per la classifica

La vittoria di oggi non vale molto per la classifica, in quanto il Benevento si trova all'ultimo posto a quota 4, a -11 dalla salvezza. Un distacco quasi incolmabile, anche se nel calcio non si mai: ricordiamo cosa ha combinato lo scorso anno il Crotone in una situazione molto simile.

Il successo di ieri resterà negli annali del calcio, essendo la prima vittoria in assoluto dei campani in campionato, alla loro prima apparizione in serie A. Una prima apparizione fin qui molto sfortunata e deludente, in pochi mesi i tifosi campani sono passati dalla festa promozione alla depressione per un mesto ritorno tra i cadetti. Che la salvezza del Benevento sarebbe stata difficile era immaginabile, quello che non era immaginabile sono i 4 punti in 19 gare, 4 punti che sanno di condanna anticipata in serie B. Comunque andrà onore agli uomini di Roberto De Zerbi, per l'attaccamento alla maglia dimostrato contro il Chievo, ma non c'erano dubbi che i campani non avrebbero mollato di un centimetro, lottando ogni gara e vendendo cara la pelle. Comunque vada onore agli uomini di Roberto De Zerbi.