Dopo il rinvio della partita contro l'Atalanta per la furia della perturbazione Burian che non ha risparmiato l'Allianz Stadium, la Juventus è pronta a tornare in campo mercoledì pomeriggio (ore 17.30) sempre contro la formazione orobica per la semifinale di ritorno di Tim Cup. Massimiliano Allegri deve fare i conti, però, con un'infermeria che proprio non ne vuole sapere di svuotarsi. Oltre a Paulo Dybala, rientrato nel Derby della Mole vinto dai bianconeri contro il Torino, il tecnico livornese potrà contare nuovamente su Blaise Matuidi, già inserito nell'undici iniziale nella sfida mai giocata di domenica.

Il mediano francese ha recuperato pienamente dall'infortunio muscolare occorsogli durante la partita contro il Sassuolo del 4 febbraio. Torna disponibile, dopo quasi tre mesi, anche Benedikt Howedes. La prima ed ultima apparizione per il difensore tedesco risale al 26 novembre, nella vittoriosa gara casalinga della Juventus contro il Crotone. L'ex Schalke 04, il cui riscatto a fine stagione rimane da valutare, è pronto a giocarsi le proprie chance, anche se un posto da titolare nell'immediato futuro è difficile da immaginare.

Le condizioni del Pipita

Diversa è la situazione per Gonzalo Higuain. L'attaccante argentino ha ormai assorbito totalmente il trauma contusivo-distrattivo rimediato durante il Derby nello scontro con Sirigu ma Allegri sembra intenzionato a non rischiare una pedina così importante per la sfida di Coppa Italia contro l'Atalanta.

L'obiettivo dello staff medico bianconero è quello di avere il giocatore al 100% per l'ostica trasferta di sabato 3 marzo contro la Lazio (ore 18.00), che quest'anno ha battuto i piemontesi già due volte, nella finale di Supercoppa e in campionato. La trasferta di Londra contro il Tottenham, valida per il ritorno degli ottavi di finale di Champions League e vero crocevia della stagione bianconera, costringe la Juve a non anticipare i tempi e correre meno rischi possibile.

Per De Sciglio stop di due settimane

Il nome nuovo che si aggiunge alla lista degli infortunati in casa Juventus è quello di Mattia De Sciglio. Il terzino ex Milan, autore fin qui di un'ottima stagione, ha riscontrato un problema muscolare alla coscia sinistra che lo terrà lontano dai campi almeno 15 giorni. Dubbi, dunque, sul suo possibile impiego nella trasferta di Wembley, per la quale si scalda Lichtsteiner, pronto a debuttare in campo europeo in questa stagione in caso di forfait del suo collega di reparto.

Per Cuadrado e Bernardeschi tempi più lunghi

I tifosi della Juventus dovranno aspettare di più per rivedere in campo Juan Cuadrado e Federico Bernardeschi. Il colombiano sta ancora seguendo il programma di recupero dopo l'operazione per risolvere i problemi di pubalgia. Appare impossibile, al momento, rivederlo in campo prima della sosta. Meno chiara, invece, la situazione di Bernardeschi. L'ex Fiorentina sta svolgendo una terapia conservativa per cercare di limitare i danni dell'infortunio al ginocchio occorso durante il Derby che potrebbe aver interessato i legamenti. Tra 15-20 giorni verranno effettuati ulteriori esami per stabilire se sarà necessaria l'operazione: se l'esito risulterà positivo, la stagione di Bernardeschi potrebbe essere già terminata.

La probabile formazione contro l'Atalanta

Nonostante tutte le assenze, l'undici titolare proposto da Allegri per la semifinale di ritorno di Coppa Italia contro l'Atalanta non è comunque scontato. Tra i pali dovrebbe esserci Szczesny, titolare di Tim Cup. In difesa difficile prevedere sorprese: Chiellini è certo di una maglia da titolare e dovrebbe essere affiancato da Rugani, a destra giocherà Lichtsteiner e a sinistra Asamoah. In mezzo al campo partiranno titolari Pjanic e Matuidi, con Marchisio che si giocherà il posto con Khedira. Da tenere d'occhio la possibile mossa Sturaro con Bentancur non disponibile perchè squalificato. Il tridente offensivo vedrà certamente Mandzukic e Douglas Costa dal primo minuto e uno tra Alex Sandro e Dybala a chiudere il reparto.

Sembra in vantaggio il brasiliano ma se la scelta dovesse ricadere sulla Joya, Alex Sandro scivolerebbe terzino sinistro e Asamoah rimarrebbe in panchina.