Il Milan, con l’avvento di Gattuso, è riuscito finalmente a dare una svolta alla propria stagione. Il pareggio di Udine rappresenta infatti il settimo risultato utile consecutivo, filone arricchito tra l’altro dalla vittoria nel Derby di Coppa Italia. Tanti giocatori della rosa rossonera sono riusciti finalmente a rilanciarsi, riprendendo una quotazione di mercato considerevole. Tra questi c’è sicuramente il difensore centrale, Alessio Romagnoli, il quale è stato tra i più presenti nella rosa rossonera con un rendimento molto alto rispetto al periodo con Montella.

Il giovane centrale rossonero, classe 95 ha disputato 18 partite di campionato, realizzando tra l’altro anche due reti.

Romagnoli e le sirene di mercato

L’alto rendimento di Romagnoli ha attirato le attenzioni della Juventus, la quale lo monitora già dallo scorso anno. Il centrale del Milan sarà sicuramente uno dei pezzi pregiati del mercato estivo ed il duo Marotta-Paratici non vorrà farselo sfuggire. E’ molto probabile, infatti, che a causa dell’incombenza del fair play finanziario il Milan sarà costretto ad effettuare una cessione eccellente per rientrare nei parametri imposti dall’UEFA, la quale ha già richiamato i rossoneri rifiutando il Voluntary Agreement proposto dall’ad Marco Fassone.

Romagnoli potrebbe partire per non meno di 40 milioni di euro, viste anche le pazze valutazioni del mercato attuale; una cifra che non dovrebbe rappresentare un problema per la Juve, decisa a formare la coppia del futuro assieme a Rugani.

Milan, ecco un altro problema

Una problematica riguardante la cessione di Romagnoli è un vecchio accordo tra i rossoneri e la Roma.

Il Milan, infatti, qualora dovesse vendere il giovane centrale dovrebbe riconoscere ai giallorossi una percentuale del 30% sulla cessione. La percentuale riguarda soltanto il valore eccedente i 25 milioni di euro, dunque qualora il Milan vendesse Romagnoli a 40 milioni, dovrebbe corrispondere circa 5 milioni ai giallorossi.

Questo è un altro fattore da tenere in considerazione in caso di eventuale cessione, col Milan che non potrà guadagnare il massimo da questo trasferimento.

L’alternativa a Romagnoli

Se Romagnoli dovesse partire in estate dovrà essere sostituito con un difensore all’altezza e già pronto per il Milan. Nel viaggio in Germania avrebbe monitorato da vicino il colosso del Bayer Leverkusen, Jonathan Tah. Il giocatore è un classe 96, dunque più giovane di Romagnoli, ed ha un’altissima valutazione di mercato che si attesta sui 25 milioni di euro.