Conclusa la parentesi dedicata alle Nazionali è giunto il momento anche per il Genoa di Ballardini di tornare in campo. Sabato alle 15 al Ferraris arriva la spal, match che, se vinto, potrebbe escludere definitivamente il Grifone dalla lotta per la salvezza. I ragazzi di Semplici sono in un ottimo momento come testimoniano gli otto punti nelle ultime quattro partite, i rossoblù arrivano da tre sconfitte di fila, ma a preoccupare, più del trend negativo, sono i tanti problemi di formazione.

Genoa: Izzo, Veloso e altri due titolari 'saltano' la Spal

Ballardini dovrà fare a meno di Izzo e Galabinov, entrambi out per un mese a causa di infortuni muscolari accusati proprio negli ultimi giorni.

Due tegole e a pesare sarà soprattutto lo stop del difensore che era appena rientrato da un altro problema fisico. Al suo posto spazio probabilmente a Biraschi che andrà a chiudere una retroguardia che assicura grande solidità come dimostrano le sole poche reti subite da quando è arrivato Ballardini. Il Genoa contro la Spal dovrà rinunciare anche ad un’altra delle sue punte di diamante: quel Miguel Veloso ormai ai box da tempo, un vuoto a centrocampo che Ballardini ha colmato con Bertolacci a fare il regista per ora con buoni risultati. Altra assenza rossoblù già digerita è quella di Rosi, squalificato per il prossimo match e sostituito con buona probabilità dal rinato Lazovic.

Genoa: ultima chiamata per Lapadula contro la Spal

Il ko di Galabinov apre un nuovo scenario per l’attacco del Genoa.

Il bulgaro con la sua stazza e la grande voglia di fare si è guadagnato il posto da titolare. Non sarà un bomber di razza ma è utile in tutte le fasi di gioco. Al suo posto scalda i motori Lapadula, l’unico che per caratteristiche può giocare al centro dell’attacco, ma la sua stagione per il momento è un fallimento. Tanti infortuni, troppi errori sottoporta e un rapporto con i tifosi in alto mare.

Lapadula ha un mese di tempo per conquistare l’ambiente, ma prima dovrà convincere Ballardini a schierarlo dal primo minuto. Il tecnico in passato ha infatti rinunciato al centravanti dando spazio alla coppia Pandev-Taarabt che assicura tanta qualità ma meno incisività davanti ai portieri avversari. La terza via sarebbe quella di puntare dal primo minuto su Giuseppe Rossi, ormai in gruppo da tempo ma ancora lontano dalla forma migliore.

Per il Genoa schierare l’ex viola forse è una scommessa troppo grande nel giorno in cui in palio ci sono punti salvezza determinanti per vivere le ultime giornate di campionato in estrema tranquillità.

Segui la pagina Serie A
Segui
Segui la pagina Genoa
Segui
Segui la nostra pagina Facebook!