L'Inter ha osservato in poltrona la sfida tra la Lazio ed il Milan, valevole per la semifinale di Coppa Italia. Alla fine in finale ci sono andati i rossoneri, ma è andata probabilmente nel modo migliore per i colori nerazzurri. Non lo ammetterà mai nessuno, ma affrontare la squadra di Gattuso dopo una contesa lunghissima e risolta soltanto dopo i calci di rigore poteva rappresentare una prospettiva auspicata da chi vivrà il derby sulla sponda opposta. Questa è l'ultima buona notizia, perchè ci sarà da affrontare un avversario che non perde da 13 partite e non metteva insieme una serie utile così lunga dal 2009

Inter: come si arriva al derby?

L'Inter sa bene che in questo momento tra le due squadre meneghine non è quella che sta meglio.

La buona notizia è che una stracittadina riserva sorprese rispetto all'effettivo stato di forma delle due compagini. E' una di quelle sfide in cui entrano in campo aspetti che esulano da quelli tecnici, tattici e fisici, chi andrà in campo con maggiore tensione rischia di pagarla cara, per questo l'intento di Spalletti in questa settimana dovrebbe essere stato quello di lavorare sulla testa dei giocatori. Allentare la pressione e provare a ricostruire la forza mentale che aveva contraddistinto la squadra nella prima parte della stagione resta un obiettivo da portare a termine. Certo è che uscire dal derby magari con tre punti rappresenterebbe il percorso più breve per ricacciare indietro qualsiasi tipo di fantasma e cementare la prospettiva di raggiungere la qualificazione alla prossima Champions League.

Un orizzonte che ne aprirebbe altri relativamente alla possibilità di essere più ambiziosi nella prossima stagione e di avere maggiore margine di investimento nel prossimo calciomercato.

Inter: contro il Milan non mancano i problemi

L'Inter affronterà un Milan che potrebbe non essere molto brillante dopo il gravoso impegno della semifinale di ritorno di Coppa Italia.

Ma nelle ultime ore Spalletti è con il fiato sospeso per capire in che condizioni sarà uno degli uomini chiave della formazione nerazzurra. Borja Valero, infatti, avrebbe svolto una seduta differenziata rispetto alla squadra per precauzione relativamente alla possibilità di peggiore una situazione muscolare di cui oggi non si ha contezza in maniera ufficiale.

I tifosi e soprattutto Spalletti si augurano si tratti di un semplice affaticamento o comunque di un problema di poco conto.