Il direttore di “Calciomercato.com”, Stefano Agresti, ha speso parole importanti sul calciomercato dell’Inter e sulla risoluzione contrattuale tra Walter Sabatini ed il gruppo Suning (proprietario dell’Inter), sulle frequenze di “Radio Sportiva”.

Inter, con De Vrij e Asamoah la migliore difesa in Serie A

Riguardo all’approdo di Stefan De De Vrij e Kwadwo Asamoah all’Inter nella prossima finestra di calciomercato, Agresti ha detto: “Probabilmente, con l’arrivo di Stefan De Vrij e Kwadwo Asamoah, la difesa dell’Inter sarà la migliore in Italia o una delle migliori; è certo che una difesa formata da De Vrij e Skriniar come centrali, Cancelo e Asamoah sulla fasce è una difesa di tutto rispetto, competitiva anche a livello internazionale, non soltanto in Serie A, su questo non ci sono dubbi.

Dovremo vedere soltanto quali saranno gli effetti del calciomercato sull’Inter, nel senso che non è escluso che poi l’Inter debba fare cassa durante la sessione estiva di calciomercato, perché è una società che, almeno al momento, è destinata ad autofinanziarsi: questo potrebbe portare a delle cessioni importanti, una di cui si parla molto nelle ultime settimane è quella di Icardi”.

Sabatini non soddisfatto da Suning

Il direttore di “Calciomercato.com”, sulla risoluzione del contratto tra Walter Sabatini ed il gruppo Suning dello scorso 28 marzo, ha detto: “Credo che la risoluzione del contratto di Sabatini con l’Inter non sia avvenuta nel momento opportuno per il club nerazzurro, credo possa aver creato dei problemi anche all’interno del club.

Comunque, penso che il gruppo Suning non possa essere ritenuto responsabile dell’addio di Sabatini, visto che è stato proprio Sabatini a chiedere la risoluzione contrattuale, a comunicare a Suning di voler lasciare l’Inter. La partenza di Sabatini e anche le frenate che ci sono state su varie trattative durante il calciomercato estivo suonano come un campanello d’allarme, poiché la sensazione è che l’Inter debba autofinanziarsi e autofinanziandosi è davvero complicato rimanere competitivi e continuare a crescere per poter lottare per lo scudetto.

Credo che i tifosi dell’Inter debbano auspicare che qualcosa cambi tra Suning e l’Inter dal punto di vista della disponibilità da parte del gruppo cinese a investire, perché sulle potenzialità economiche della proprietà cinese del club nerazzurro non ci sono dubbi, però purtroppo, per diversi motivi, fino ad ora la disponibilità a investire da parte di Suning è venuta meno”.

Segui la pagina Inter
Segui
Segui la pagina Calciomercato
Segui
Segui la nostra pagina Facebook!