Dopo sole 24 ore di riposo è già tempo di ritornare in campo. Tra poche ore inizierà la fase a eliminazione diretta che sarà inaugurata da una super sfida che vedrà opporsi Argentina e Francia. Solo una di loro potrà proseguire il proprio cammino nella competizione internazionale, mentre per l'altra arriverà il momento di fare le valigie.

Come arriva la Francia

I galletti di Deschamps si presentano all'appuntamento reduci dal primo posto del girone C, ottenuto grazie alle vittorie rimediate ai danni di Australia e Perù e al pareggio a reti inviolate contro la Danimarca.

La Francia, a dire il vero, non ha mai offerto prestazioni del tutto convincenti, talvolta evidenziando delle difficoltà nell'impostare la manovra e nel finalizzare le azioni.

Sul banco degli imputati non può non salirvi Griezmann. Le petit diable, salvo il rigore realizzato nella prima sfida contro gli australiani, è sempre andato sotto la sufficienza non riuscendo a farsi ammirare sotto il profilo tattico. Sugli scudi invece, vi è Mbappè. Il diciannovenne attaccante del PSG si è rivelato abbastanza sicuro di se, e sembra proprio che quest'ultimo non stia risentendo in alcun modo della pressione mediatica.

La retroguardia, che può contare la presenza di leader come Umtiti e Varane, sta ben figurando; infatti Lloris ha raccolto una sola volta la palla dalla rete, in occasione del rigore trasformato da Jedinak nella partita d'esordio.

Come arriva l'Argentina

L'albiceleste non può aver dormito sonni tranquilli.

Si, è vero, la qualificazione è arrivata ma i problemi restano. La nazionale di Leo Messi, ha ottenuto il secondo posto del girone D solo grazie alla rete di Rojo, il quale al minuto 85 ha realizzato il goal del 2-1 contro la Nigeria e ha spedito la sua nazionale agli ottavi come seconda del girone, alle spalle della sorprendente Croazia.

La nazionale di Sampaoli ha presentato gravi lacune in fase difensiva e nelle prime due sfide anche il portiere è stato al centro di polemiche. Caballero, infatti non è più il titolare dopo i gravi errori nelle partite contro Islanda e Croazia. Al suo posto il ct ha lanciato Armani nel compito di difendere i pali.

Dalle ultime apparizioni, si evince che la nazionale biancazzurra si affida costantemente all'estro del suo fuoriclasse per vincere le partite. La pulce, dopo le due prestazioni opache, nell'ultima partita si è preso la squadre sulle spalle e l'ha condotta alla vittoria da vero leader.

E' chiaro che se l'Argentina vorrà andare avanti nel torneo non potrà solo affidarsi al talento di Messi. Ci si aspetta di più dall'intero reparto offensivo, un reparto che può contare la presenza di gente del calibro di Di Maria, Aguero, Higuain e Pavon. Tutti questi grandi nomi hanno reso al di sotto delle aspettative, ma c'è ancora tempo per poter rimediare.

Le probabili formazioni

Deschamps sembra essere orientato a mandare in campo la medesima formazione che ha affrontato il Perù qualche giorno fa.

Quindi sarà 4-2-3-1 avente tra i pali Lloris. In difesa ci saranno Pavard,Varane,Umtiti, e Hernandez. Gli interditori davanti la difesa saranno Kanté e Pogba. Dietro alla punta Giroud, agirà il trio composto da Matuidi, Griezmann e Mbappè. Solo panchina per Dembelè.

Dall'altra parte Sampaoli dovrebbe optare per un 4-3-3 con la novità Pavon. Infatti, secondo le ultime indiscrezioni non ci sarebbe posto dal primo minuto nè per Aguero nè per Higuain. Per il resto sarà ancora una volta Armani il portiere, protetto da Mercado, Otamendi, Rojo e Tagliafico. A centrocampo troveranno spazio Enzo Perez, Mascherano e Banega. Il tridente d'attacco sarà quindi Pavon-Messi-Di Maria.

La Francia gode di un leggero favore dei pronostici ma ci sono tutti i presupposti per assistere ad una meravigliosa partita equilibrata.

Si gioca alla Kazan Arena e chi vince se la vedrà ai quarti contro la vincente di Uruguay-Portogallo.

Segui la nostra pagina Facebook!