Impressioni di settembre per l'Inter di Luciano Spalletti. Le alternative per la malconcia truppa nerazzurra sono invero poche, anzi non ci sono proprio alternative alla vittoria nella prossima partita di campionato che vedrà Icardi e compagni in casa del Bologna. Una sconfitta in casa del Sassuolo ed un incredibile pareggio casalingo dopo aver dilapidato un doppio vantaggio contro il Torino sono un bottino misero per una squadra che era stata accreditata come possibile rivale della Juventus per lo scudetto. Urge cambiare marcia e bisogna farlo da sabato prossimo, primo giorno di settembre. Bologna ed Inter saranno in campo allo stadio Dall'Ara, calcio d'inizio alle ore 18.

Il bilancio delle sfide giocate a Bologna

Sono 80 i precedenti tra Bologna ed Inter disputati in terra emiliana in Serie A ed il bilancio è leggermente favorevole ai rossoblu che hanno vinto 33 gare contro le 32 nerazzurre, mentre i pareggi sono stati 15. In archivio troviamo anche 11 gare di Coppa Italia disputate a Bologna e qui il bilancio sorride all'Inter che ha vinto 6 volte contro le 3 degli avversari e 2 pareggi. Al computo dei match dobbiamo aggiungere inoltre uno spareggio per l'ammissione in Coppa Uefa vinto dai bolognesi.

I primi duelli

Il primo confronto in assoluto venne disputato al vecchio campo di Bologna a Villa Hercolani, noto come 'Sterlino', il 15 febbraio del 1920 (nella stagione del secondo scudetto interista) e si chiuse con il successo dell'Inter per 1-0, rete di Scheidler.

Lo stadio 'Sterlino' porta decisamente bene ai nerazzurri in quel periodo se consideriamo che nell'elenco del precedenti ci sono ben tre vittorie consecutive nel capoluogo emiliano tra il 1920 ed il 1923, tutte con lo stesso punteggio di 1-0. Il 22 novembre del 1925 il Bologna campione d'Italia in carica riesce a conquistare la prima vittoria sull'Inter dinanzi al pubblico amico, grande protagonista è Angelo Schiavio, autore di una doppietta nell'ambito del 4-1 con cui il rossoblu si aggiudicano il confronto.

La grande rivalità prima della guerra

La grande rivalità tra le due squadre nasce proprio in questo periodo: il Bologna vincerà il secondo scudetto nella stagione 1928/29, sarà l'ultima prima del girone unico che debutterà nella stagione successiva e vedrà l'Ambrosiana-Inter fregiarsi del suo terzo titolo nazionale.

In ogni caso la trasferta bolognese rimane piuttosto ostica per il club meneghino che in 18 anni di sfide in casa del Bologna, dal 1925 al 1943, otterrà il magro bottino di 2 vittorie, ricambiando però spesso e volentieri il favore sul proprio campo. Nella seconda metà degli anni '30 fino allo scoppio della Seconda Guerra Mondiale, il campionato italiano di Serie A corre sul filo Bologna-Milano. Gli emiliani vincono il titolo nelle stagioni 1935/36 e 1936/37, l'Ambrosiana mette tutti in fila nel torneo 1937/38, il Bologna vince ancora nella stagione 1938/39, i nerazzurri in quella 1939/40 ed i rossoblu culminano nel campionato 1940/41, in un'Italia già in guerra, l'ultima perla del loro ciclo più grande.

Lo squadrone è quello di Andreolo, Biavati e Puricelli, il Bologna 'che tremare il mondo fa', mentre l'Inter è quella di Meazza, Ferrari e Frossi. I nerazzurri, come detto, soffrono spesso all'ombra delle Due Torri ed il 30 marzo del 1941 patiscono addirittura un umiliante 0-5 firmato dal gol di Puricelli e dalle doppiette di Biavati e Reguzzoni.

Un confronto sempre ricco di gol

Sebbene nel dopoguerra il Bologna non riuscirà più, salvo rari casi, a figurare ai vertici del calcio italiano, il confronto con l'Inter resta scoppiettate e ricco di marcature: addirittura sette nel 4-3 con cui i nerazzurri espugnano il Comunale nel 1952. Negli anni '60 i milanesi vincono spesso e volentieri in via Emilia, c'è anche un roboante 4-0 nella stagione 1962/63 e c'è soprattutto il 2-1 della stagione 1963/64 firmato da Corso e Jair (di Furlanis la rete bolognese).

Tuttavia, proprio in quella stagione, il Bologna vincerà la gara più importante di sempre tra quelle disputate contro l'Inter: si gioca a Roma il 7 giugno del 1964 ed è lo spareggio per lo scudetto che i rossoblu scuciranno dal petto dei freschi campioni d'Europa, 2-0 grazie ad un autogol di Facchetti ed al sigillo di Nielsen. Si tratta del settimo e, ad oggi, ultimo titolo italiano del Bologna.

Gli anni '70 ed '80, la caduta del Bologna in Serie B

Gli anni '70 confermano il principale leitmotiv di questa sfida, si segna tanto ed i pareggi sono pochi. Tra le vittorie più significative del Bologna c'è il 3-0 firmato da Savoldi, Landini e Ghetti del 1973, mentre l'Inter stravince addirittura per 5-1 nel gennaio del 1977 con le doppiette di Muraro e Fedele ed il gol di Mazzola.

Nella stagione 1981/82 i rossoblu vincono 3-1 lo scontro del Dall'Ara, una successo inutile ed amaro con il senno del poi, se consideriamo che una settimana dopo la formazione emiliana retrocederà in Serie B all'ultima giornata per la prima volta nella sua storia, perdendo 1-2 la sfida decisiva in casa dell'Ascoli.

Dalla goleada interista del 1989 ai giorni nostri

Il Bologna si riaffaccia nel massimo campionato nella stagione 1988/89. Per l'Inter è un torneo trionfale, quello dei record e, tra questi, c'è da annoverare la più larga vittoria nerazzurra di sempre allo stadio Dall'Ara: un tennistico 6-0 con doppiette di Serena e Diaz e reti di Matthaeus e Matteoli. Da allora gli emiliani sono riusciti soltanto in quattro occasioni casalinghe a battere l'Inter e, tra queste, la più importante è senza dubbio quella del 30 maggio 1999, match di ritorno dello spareggio per accedere in Coppa Uefa chiuso 2-1 per il Bologna con i gol di Signori e Bettarini (di Ventola il gol interista).

L'ultimo successo bolognese in casa contro i nerazzurri risale al 2002, 2-1 (Pecchia e Zauli, Seedorf per l'Inter), mentre nelle ultime dodici gare disputate al Dall'Ara si registrano ben 9 successi nerazzurri e 3 pareggi, l'ultimo a settembre dello scorso anno con il punteggio di 1-1, gol di Verdi e di Icardi su rigore.

Segui la pagina Serie A
Segui
Segui la pagina Inter
Segui
Segui la nostra pagina Facebook!