Parma-Juventus finisce 1-2 e lancia i bianconeri in cima alla classifica di Serie A con 9 punti in tre partite. Il solito Mandzukic e Matuidi regalano la vittoria ad Allegri e lasciano l’amaro in bocca a D’Aversa che dopo il pareggio di Gervinho aveva pregustato il colpo a sorpresa.La fotografia della partita arriva dai dati sul possesso palla con Pjanic e compagni che dominano con il 68% e la bellezza di 519 passaggi riusciti, il doppio di quelli dei padroni di casa. I bianconeri dimostrano inoltre di trovare spesso la via della porta con 20 tiri in 97 minuti di gioco.

Parma-Juventus 1-2: Cristiano Ronaldo non “vede” la porta

Parma-Juventus è la terza partita in cui Cristiano Ronaldo non riesce a segnare in Italia. Il problema al Tardini sembra essere la mira, il portoghese è primo in classifica nei tiri fuori dello specchio, cinque sue conclusioni non colpiscono la porta mentre solo una arriva dalle parti di Sepe. Per il resto la partita di Cristiano Ronaldo al Tardini viaggia tra 59 palloni giocati, tre palle gol create, un recupero e quattro palle perse. Insomma il gol non arriva ma un campione così la differenza riesce a farla sempre.

Pjanic perfetto in Parma-Juventus 1-2

Parma-Juventus fa risaltare ancora una volta l’importanza di Miralem Pjanic per i suoi, il regista è perfetto nella gestione del pallone con il 100% dei passaggi riusciti, niente male per il centrocampista che è sempre nel vivo del gioco con 68 palloni toccati.

Spulciando le statistiche del Tardini si scopre che per questa volta è Alex Sandro lo juventino che tocca più volte la sfera (91) e che la scossa l'ingresso di Douglas Costa capace in quaranta minuti di tirare due volte in porta e di creare due occasioni da gol. Partita di classe e sostanza come sempre per Mario Mandzukic che mette la firma sul tabellino, fornisce l’assist per il secondo gol ed effettua in totale 22 passaggi e, unico neo, perde cinque palloni.

Nella speciale classifica dei maratoneti bianconeri comanda Matuidi con 11,6 chilometri corsi sull’erba del Tardini, poco più di Alex Sandro e Chiellini che chiudono il podio, in totale la Juve corre meno dell’avversario: 110,094 contro 111.977 i chilometri percorsi dalle due squadre.

Per quello che riguarda il Parma spiccano le incursioni di Di Gaudio che arriva a tirare due volte in porta e si dimostra così il più pericoloso dei suoi insieme a Stulac, il regista ex Venezia è invece l’uomo che corre di più con ben 12.417 metri percorsi.

Partita intensa per Barillà e Rigoni che con tre falli fatti risultano i più cattivi mentre Inglese e di Gaudio risultano i più imprecisi con sei palloni persi a testa. Queste le principali statistiche di Parma-Juventus 1-2, tanti numeri per un solo verdetto: i bianconeri vincono e restano in testa mentre i ducali vanno ancora a caccia del primo successo.

Segui la pagina Juventus
Segui
Segui la pagina Serie A
Segui
Segui la pagina Cristiano Ronaldo
Segui
Segui la nostra pagina Facebook!