Giovedì è partita ufficialmente l'avventura di Giuseppe Marotta come nuovo amministratore delegato dell'Inter. L'ex dirigente della Juventus è volato in Cina, a Nanchino, un mese fa per incontrare i vertici di Suning e il patron, Jindong Zhang e delineare la strategia da attuare per cercare di colmare il gap dalla società bianconera, sia dal punto di vista economico che dal punto di vista tecnico.

Pubblicità
Pubblicità

Progetto che ha subito sicuramente qualche rallentamento dopo l'eliminazione dalla Champions League che ha comportato un danno economico intorno ai venti milioni di euro. La società nerazzurra, infatti, in conseguenza di ciò ha deciso di muoversi sul mercato con insistenza direttamente la prossima estate, mentre a gennaio si cercheranno solo 'occasioni' come accaduto lo scorso anno con l'arrivo di Rafinha Alcantara dal Barcellona.

Pubblicità

Marotta e il pallino Conte

Il nuovo amministratore delegato dell'Inter, Giuseppe Marotta, avrebbe messo nel mirino per la prossima stagione l'ex allenatore del Chelsea, Antonio Conte. Il tecnico pugliese è stato già vicino ai nerazzurri due anni fa, quando alla fine si decise di puntare su Luciano Spalletti. E proprio quest'ultimo è finito sul banco degli imputati dopo la sconfitta contro la Juventus e l'eliminazione in Champions League.

Non perdere le ultime news!
Clicca sotto sull’argomento che ti interessa. Ti terremo aggiornato con tutto quello che non puoi perdere.
Serie A Inter

All'ex allenatore della Roma viene imputato soprattutto il fatto di aver sostituito Matteo Politano, tra i migliori in campo in entrambe le partite, e il fatto di impiegare sempre Ivan Perisic, nonostante nell'ultimo periodo sia stato spesso tra i peggiori in campo.

I rapporti tra Marotta e Conte sono stati riallacciati in questo periodo in cui l'ex commissario tecnico della Nazionale italiana ha lasciato la Juventus.

Il futuro, però, potrebbe essere collegato anche a ciò che succederà in casa Manchester United, con José Mourinho in bilico. In caso di divorzio, i Red Devils potrebbero puntare su Conte, mentre il tecnico portoghese potrebbe finire in orbita nerazzurra e sarebbe certamente una soluzione graditissima ai tifosi che continuano ad amare lo 'Special One' in maniera incondizionata.

I possibili rinforzi del nuovo dirigente

Stando a quanto riportato da Il Corriere dello Sport, Giuseppe Marotta ha cominciato già a lavorare per rinforzare l'Inter la prossima estate.

Pubblicità

Il nome in cima alla lista è sempre quello di Luka Modric che potrebbe dunque lasciare il Real Madrid e sbarcare a Milano con un anno di ritardo, avendo il contratto in scadenza a giugno 2020. Il centrocampista croato rappresenterebbe un colpo alla Pirlo, in grado di dare qualità ed esperienza ad un reparto che ha dimostrato di necessitarne in questa prima parte della stagione.

L'altro nome è quello di Nicolò Barella, per cui Marotta aveva già cominciato a parlarne con il Cagliari per conto della Juventus.

Pubblicità

Nell'affare potrebbe essere inserita anche qualche contropartita tecnica per abbassare l'esborso economico, visto che il classe 1997 è valutato almeno cinquanta milioni di euro.

Altri due nomi sul taccuino, poi, sono quelli di Federico Chiesa e Sergej Milinkovic-Savic, ma in questo caso tutto dipenderà dalla possibile cessione di un big, con Ivan Perisic candidato principale visto il suo desiderio di giocare in Premier League o nella Liga.

Segui la nostra pagina Facebook!
Leggi tutto