Pubblicità
Pubblicità

Giuseppe Rossi torna in campo e lo fa dove tutto è cominciato circa quindici anni fa, all'Old Trafford. Esatto, perché lo stesso Pepito è stato chiamato dall'attuale tecnico del Manchester United e suo ex compagno di squadra, Ole Gunnar Solskjaer, subentrato da poco a José Mourinho. Non si tratta, però, di un vero e proprio contratto: Rossi, infatti, avrà solo la possibilità di allenarsi con i Red Devils, in attesa di poter tornare a disputare gare ufficiali. Il calciatore è attualmente svincolato e la sua ultima apparizione risale alla passata stagione, quando ha vestito la maglia del Genoa.

Pubblicità

Ritorno al passato

Per Giuseppe Rossi, l'opportunità concessagli da Solskjaer, rappresenta a tutti gli effetti una sorta di "ritorno al passato". L'attaccante italiano, infatti, avrà la possibilità di ripartire dall'Inghilterra e, più precisamente, dal Manchester United dov'era cominciata una carriera che appariva come molto promettente, interrotta da una serie infinita di terribili infortuni. Purtroppo per lui, però, non si tratta di un contratto, ma di una "semplice" chance concessagli dall'amico Solskjaer per "rimettersi in mostra", nella speranza che qualche squadra possa nuovamente puntare sul suo talento. Insomma, Pepito ci riprova e chiunque ami questo sport si augura che la fortuna possa essere finalmente dalla sua parte.

Una carriera travagliata

Tra meno di un mese Giuseppe Rossi compirà trentadue anni e la frase che tutti ripetono nella propria testa pensando a lui è sempre la stessa: "Chissà come sarebbe stato". Esatto, chissà come sarebbe stato e chissà cosa sarebbe successo se Pepito Rossi avesse potuto esprimere tutto il tuo talento con continuità. In un periodo di "vacche magre" per il calcio italiano, soprattutto per ciò che riguarda il reparto offensivo, il suo senso del goal e la sua velocità avrebbero sicuramente fatto la differenza.

Pubblicità

Con i se e con i ma, però, non si va da nessuna parte e la realtà di Giuseppe Rossi, oggi, appare più cruda che mai. L'attaccante italiano con cittadinanza statunitense, infatti, è svincolato dalla scorsa estate, dopo che il Genoa ha deciso di non rinnovargli il contratto: troppo poche, a detta del Grifone, le sue 9 presenze, impreziosite da una sola rete, peraltro ininfluente ai fini del risultato finale. Contratti in vista, per il momento, non ce ne sono ma chissà che il calcio, come la vita, non possa concedere un'ulteriore possibilità a Pepito.