Roberto Mancini gli ha dato fiducia e lui l’ha ripagato con tre gol in due partite. Moise Kean sta bruciando le tappe e, dopo essere stato il primo ‘millennial’ a debuttare in azzurro, si è tolto lo sfizio di sopravanzare Gianni Rivera nella classifica 'all time' dei marcatori più giovani. La parentesi in Nazionale non poteva andare meglio per l’attaccante che fatica a trovare spazio in maglia bianconera.

Chissà che le performance sfoderate contro Finlandia e Liechtenstein non convincano Allegri a concedere maggiore spazio al diciannovenne anche per via del leggero infortunio subito da Cristiano Ronaldo.

In queste ore, oltre per le brillanti prestazioni nei due confronti validi per le qualificazione europee, l’attaccante sta facendo parlare anche per il botta e risposta con il padre. Quest’ultimo, nei giorni scorsi, aveva rilasciato della dichiarazioni alla trasmissione Un giorno da Pecora in onda su Radio 1 relative al trasferimento del figlio alla Juventus. Nel tardo pomeriggio Moise ha messo le cose in chiaro con un post pubblicato su Instagram Stories. “Trattori? Non so di cosa parli”.

Il papà di Kean: 'Lo feci restare alla Juve in cambio di due trattori che non ho mai avuto'

Una polemica a distanza tra padre e figlio che di sicuro farà discutere nei prossimi giorni. Le dichiarazioni rilasciate da Biourou Jean Kean sembra che non abbiano fatto piacere all’attaccante bianconero. In particolare l’uomo, originario della Costa d’Avorio, ha raccontato alcuni aneddoti legati alla famiglia ed alla Juventus nel corso della trasmissione radiofonica Un giorno da Pecora.

Non perdere le ultime news!
Clicca sotto sull’argomento che ti interessa. Ti terremo aggiornato con tutto quello che non puoi perdere.
Juventus Serie A

Dopo aver espresso il suo entusiasmo per il primo gol in azzurro il padre di Moise Kean ha dichiarato che il figlio da ragazzino tifava per l’Inter e che il suo idolo era Oba Oba Martins. “Ora è un fan di Balotelli ma gli ho detto che non deve imitarlo troppo”. Inoltre Biourou Jean ha riferito di aver avuto un ruolo decisivo nel passaggio del figlio dal Toro al club zebrato. “L’ho mandato alla Juventus perché sono tifoso bianconero”.

Nonostante ciò Kean senior ha rivelato che ora ha problemi con la società in quanto non ha rispettato un vecchio accordo e non gli invia neanche più i biglietti per le partita. “Sono separato e la mamma voleva portare Moise in Inghilterra ed alla Juve dissi che l’avrei fatto restare ma in cambio avrei voluto due trattori”. L’ivoriano ha precisato di non aver mai ricevuto i mezzi richiesti alla ‘vecchia signora’.

L'attaccante: 'Sono diventato quello che sono grazie a mia madre'

L’uscita di Biourou Jean Kean ha infastidito, e non poco, il figlio. Moise ha aspettato di archiviare l’esperienza in azzurro prima di dire la sua sulla questione e, nel tardo pomeriggio, ha rotto gli indugi. L’attaccante ha preso le distanze dalle dichiarazioni del genitore con un post pubblicato su Stories: “Trattori? Non so di cosa parli.

Sono diventato quello che sono grazie a mia madre”. Parole durissime quelle dell’azzurro che ha invitato i suoi follower a non dimenticare mai le persone “che vi danno da mangiare”.

Da rilevare che il calciatore della Juventus è finito anche nel mirino di Striscia la notizia per un filmato realizzato mentre è alla guida dell’auto. Il 'millennial' ha chiesto scusa rappando con Max Laudadio ed ha invitato i giovani a non imitarlo: “Non lo farò più”.

Segui la nostra pagina Facebook!
Leggi tutto