Uno dei pilastri del Torino dei primi anni Novanta: in tre anni raccolse 74 presenze con i granata, realizzando un gol, ma è passato alla storia per il clamoroso trasferimento dalla Juventus alla società granata. Parliamo di Pasquale Bruno, roccioso difensore centrale a cavallo fra gli anni '80 e '90. Iniziò la sua carriera al Lecce, per poi trasferirsi nel 1983 al Como, restandoci fino al 1987. Subito dopo arriva alla Juventus, giocando ben tre stagioni con i bianconeri.

Nel 1990 poi arriva il clamoroso passaggio al Torino: di tale argomento ne ha parlato proprio il difensore centrale in un'intervista a Sportweek, sottolineando come la sua volontà fosse proprio quella trasferirsi al Torino. Alla nota rivista sportiva il difensore ha dichiarato che a Torino "i tifosi granata lo portavano di nascosto a vedere le partite della loro squadra" ed è stata proprio la passione dei sostenitori a fargli amare la società piemontese.

'I tifosi granata mi portavano allo stadio di nascosto a vedere il Torino'

Uno degli aneddoti raccontati da Bruno è quello riguardante il fatto che la differenza principale che si notava fra Juventus e Torino erano i raduni: dai bianconeri c'erano 1000 sostenitori, dai granata invece 5000. Fu proprio Boniperti nel 1990, quando la Juventus assunse come allenatore Maifredi, a comunicare al difensore la volontà dei bianconeri di cedere sia lui che il portoghese Barros e allo stesso tempo il presidente bianconero gli chiese dove volesse andare. In quell'occasione Bruno rispose che avrebbe voluto pensarci e parlarne con sua moglie, ma in fondo aveva deciso dove trasferirsi, ovvero al Torino.

Non perdere le ultime news!
Clicca sotto sull’argomento che ti interessa. Ti terremo aggiornato con tutto quello che non puoi perdere.
Juventus Torino Calcio

La carriera di Pasquale Bruno

Una delle citazioni più famose del giocatore è: "Io non sputo nel piatto dove ho mangiato: la Juve mi ha dato il successo, i soldi e la possibilità di conoscere alcuni grandi personaggi come l'Avvocato Agnelli e Boniperti. Quella maglia granata però mi è rimasta addosso per sempre". Tre stagioni ai granata prima di passare alla Fiorentina nella stagione 1993-1994, giocando 19 partite.

Nel 1995 ritorna in Salento per giocare di nuovo con il Lecce, disputando 17 partite e realizzando 3 gol. Arriva poi l'esperienza in Scozia, negli Hearts, dove giocò dal 1995 al 1997, disputando 35 partite con 1 gol. Passa poi al Wigan dove però giocò solamente una partita. Non vanta esperienze nella nazionale maggiore, ma solo presenze in Under 20, Under 21 e Nazionale olimpica.

Segui la nostra pagina Facebook!
Leggi tutto