Arriva dalla Germania una notizia che potrebbe significare nuovi cambiamenti nei quadri dirigenziali del Milan, dopo i tanti avvicendamenti a questo livello che si sono verificati a partire dal 2017. Secondo quanto riportato dal quotidiano tedesco Bild, infatti, Ralf Rangnick sarebbe entrato prepotentemente nel mirino del Milan e, più nello specifico, nelle grazie dell'intero gruppo Elliott.

Ma chi è Ralf Rangnick? Sconosciuto ai più, si tratta di uno dei fautori, forse il principale, dell'immensa crescita del RB Lipsia negli ultimi anni.

Il profilo di Ralf Rangnick, l'uomo che stuzzica Elliott

Il 61enne originario di Backnangk è l'attuale 'Head of Sport and Development Soccer' del gruppo Red Bull nel calcio. Si tratta di una figura fuori dagli schemi, eclettica, ma innovativa, ma soprattutto desiderosa di avere potere decisionale su tutte le aree di sviluppo di un club. Dopo aver allenato Stoccarda, Hannover, Schalke e Hoffenheim, si è dedicato interamente alla straordinaria crescita del Lipsia in Germania (il club è attualmente primo in Bundesliga e agli ottavi di Champions League), grazie alla fiducia dimostratagli dall'intero gruppo Red Bull.

Dalla quarta divisione tedesca all'essere tra le migliori 16 d'Europa.

Come detto, Rangnick è una figura eclettica: è stato non solo il coordinatore tecnico del Lipsia durante questi anni, ma anche primo allenatore. Non solo, proprio in qualità di uomo di punta del gruppo Red Bull nel calcio, Rangnick è anche il capo dello scouting e delle relazioni esterne del Salisburgo, altra grande rivelazione degli ultimi due anni.

Scelta della filosofia di gioco, tipologia di calciatori da acquistare, strategie interne e perfino la comunicazione: tutto passa sotto il controllo del dirigente tedesco. Un accentratore di scelte è forse la definizione più giusta per descrivere l'uomo che stuzzica Elliott.

Il Milan vorrebbe ingaggiarlo già nella prossima sessione invernale

Sempre stando a quanto riportato dalla Bild, Elliott vorrebbe ingaggiare Rangnick già nella prossima sessione invernale di calciomercato.

Inizialmente con un ruolo ad hoc di consulente, per cominciare a capire il mondo rossonero e tutto quello di cui il club ha bisogno per risorgere, per poi potergli addirittura offrire il doppio ruolo di allenatore-manager. La trattativa è ancora in una fase "esplorativa", ma quel che è certo è che ai piani alti del club rossonero il nome di Rangnick sia piuttosto chiacchierato nelle ultime settimane. Lo stesso Rangnick sarebbe aperto al dialogo, dopo aver rifiutato le proposte provenienti dall’Everton e dal Bayern Monaco.

L'eventuale approdo in rossonero starebbe a significare un nuovo terremoto in casa Milan, attualmente nelle mani di Maldini, Boban e Massara per quanto riguarda la parte operativa.

Elliott darà un altro anno di fiducia alle tre figure menzionate o delegherà l'intero potere nelle mani del dirigente tedesco? Sarà possibile una nuova rivoluzione, segnata dall'arrivo di Rangnick, che coinvolga comunque l'attuale dirigenza rossonera? Non resterà che aspettare qualche mese per avere risposta a questa domanda.

Segui la pagina Milan
Segui
Segui la nostra pagina Facebook!