L'Inter, come tutte le altre società, deve fare i conti con le perdite che ha portato l'emergenza relativa al Coronavirus. I nerazzurri, nonostante ciò, hanno già investito ben 85 milioni di euro: 40 milioni per l'acquisto di Achraf Hakimi dal Real Madrid (più 5 milioni di bonus), 25 milioni di euro per il riscatto di Nicolò Barella e altri 20 milioni per il riscatto di Stefano Sensi dal Sassuolo. Ora, per poter effettuare altre operazioni in entrata, sarà necessario effettuare delle cessioni. Uno dei giocatori che sembrerebbe non essere più indispensabile per il tecnico nerazzurro, Antonio Conte, sarebbe Marcelo Brozovic, che sarebbe stato proposto anche al Napoli in questi ultimi giorni.

Brozovic non più indispensabile

Il centrocampista croato è stato il fulcro del gioco della squadra nerazzurra negli ultimi anni. Incredibile la sua parabola, visto che a gennaio 2018 era stato ad un passo dalla cessione in prestito con diritto di riscatto al Siviglia. A bloccare tutto fu l'allora allenatore nerazzurro Luciano Spalletti, che riuscì a cucire un ruolo tutto per lui, in cabina di regia.

Anche quest'anno, sotto la guida di Conte, Brozovic è stato indispensabile, giocando praticamente sempre e saltando qualche match soltanto per infortunio. Sono trentadue le presenze accumulate in campionato, mettendo a segno tre reti e collezionando sei assist. Dopo il lockdown, però, qualcosa è cambiato.

Il centrocampista croato si è reso protagonista di alcuni episodi tutt'altro che responsabili e questo avrebbe portato la società a ritenerlo non più incedibile.

La clausola rescissoria da 60 milioni di euro è scaduta a metà luglio ma, soprattutto dopo la crisi economica che ha colpito il mondo del calcio, nessun club sarebbe disposto ad investire una cifra così alta.

Per questo motivo il club meneghino, nei giorni scorsi, avrebbe provato ad offrire il classe 1992 al Napoli.

Scambio saltato tra Brozovic ed Allan

L'Inter, nei giorni scorsi, avrebbe provato ad intavolare un'operazione importante con il Napoli. Uno scambio che avrebbe portato benefici soprattutto a livello di bilancio.

I nerazzurri, infatti, stando a quanto riportato dal Corriere del Mezzogiorno, avrebbero proposto il cartellino di Brozovic, chiedendo in cambio il centrocampista brasiliano Allan. In alternativa, per arrivare a quest'ultimo, era stato proposto un pagamento dilazionato in più anni. Alla fine, però, gli azzurri hanno deciso di cedere il giocatore all'Everton, che ha messo sul piatto 20 milioni di euro più tre milioni di bonus, pagando tutto in un'unica tranche rispetto a quanto fatto dall'Inter.

Segui la pagina Inter
Segui
Segui la pagina Calciomercato
Segui
Segui la nostra pagina Facebook!