L'effetto Covid si è abbattuto sull'economia mondiale creando problemi anche nel mondo del calcio. Una delle società che ha più subito il lockdown e la sospensione forzata della stagione 2019-2020 (poi ripresa a giugno) è stata sicuramente la Juventus. Come riporta Milano e Finanza, la Juventus il 18 settembre con ogni probabilità approverà un bilancio d'esercizio in negativo, di quasi 70 milioni di euro. Numeri che scaturiscono dalle perdite della semestrale Juve di luglio-dicembre 2019 ammontanti a 50,3 milioni più 19 milioni alla voce Juventus Football Club nella semestrale della Exor da gennaio a giugno 2020.

A causare questo bilancio negativo sono evidentemente gli alti costi che la società bianconera sta sostenendo da un anno a questa parte. Dapprima ha contribuito una campagna acquisti faraonica (de Ligt è costato 75 milioni, Danilo 37), poi il monte ingaggi troppo pesante, infine il lockdown ha dato evidentemente 'il colpo di grazia' alle casse bianconere.

Il bilancio stagionale 2019-2020 è in perdita di quasi 70 milioni di euro

Da qui l'esigenza di alleggerire una rosa fin troppo ricca di giocatori, anche a costo di lasciar partire qualche giocatore a parametro zero. La Juventus starebbe lavorando a due rescissioni consensuali: quella di Gonzalo Higuain e quella di Sami Khedira. Entrambi in scadenza a giugno 2021, pesano a bilancio circa 30 milioni di euro lordi.

L'argentino potrebbe a breve trovare un'intesa con la Juventus, si parla poi di un trasferimento nella Major League Soccer. Diversa è invece la situazione del centrocampista tedesco, che sembra restio a lasciare la società bianconera e a rinunciare altri oltre sei milioni di euro netti a stagione fino a giugno 2021.

L'importanza delle plusvalenze finanziarie

La Juventus punterà anche a qualche altra cessione non solo per motivi economici ma anche per dare la possibilità a Pirlo di lavorare con una rosa più contenuta. A rischio partenza ci sono Mattia De Sciglio, Daniele Rugani, Alex Sandro, Aaron Ramsey, Douglas Costa e Federico Bernardeschi.

Soprattutto l'eventuale partenza del centrocampista gallese potrebbe essere utile al bilancio d'esercizio della Juventus in quanto genererebbe un'importante plusvalenza finanziaria. L'ex Arsenal infatti è arrivato la scorsa stagione a parametro zero. Intanto altri due giocatori sono stati piazzati sul mercato: si tratta di Mattia Perin e di Cristian Romero. Il portiere si è trasferito in prestito secco al Genoa mentre il difensore argentino è passato all'Atalanta in prestito biennale più riscatto fissato a circa 25 milioni di euro. Un modo per la Juventus per garantirsi un'ulteriore plusvalenza finanziaria. Per entrambi gli affari mancherebbe solo l'ufficialità.