Il successo dell'Inter in campionato contro lo Spezia per 2-1 rilancia le ambizioni in campionato per la squadra di Antonio Conte, dopo che il tecnico nelle ultime settimane era finito nel mirino della critica.

L'uscita anticipata dell'Inter da tutte le manifestazioni europee è un passo indietro evidente per i nerazzurri rispetto alla scorsa stagione. D'altronde la squadra di Conte ad agosto ha sfiorato il trionfo in Europa League, perdendo in finale contro il Siviglia. Dopo gli investimenti effettuati durante lo scorso Calciomercato estivo, molti addetti ai lavori erano convinti che i nerazzurri potessero qualificarsi almeno per gli ottavi della Champions League.

Questo però non è avvenuto, con il club milanese che non è riuscito a passare il girone pareggiando in casa l'ultima giornata contro lo Shakhtar Donetsk per 0-0. Nonostante la vittoria contro lo Spezia ha riportato un leggero clima di serenità tra gli animi nerazzurri, c'è comunque chi si scaglia contro Conte. Stiamo parlando di Antonio Cassano, ex attaccante dell'Inter che nelle scorse ore ha attaccato duramente il tecnico salentino mentre era in diretta su Twitch con l’amico ed ex calciatore Christian Vieri.

Cassano si scaglia contro Conte

Quando parla, non è mai banale. Antonio Cassano ha lanciato frecciatine per tutti, concentrate più che altro sull’Inter. In diretta Twitch, nel consueto appuntamento con la Bobo TV in compagnia di Bobo Vieri, Nicola Ventola e Lele Adani, l’ex attaccante nerazzurro ha parlato della sfida tra Inter e Spezia: “L’Inter non è una grande squadra.

Anche ieri con lo Spezia ha fatto una partita oscena. Se a fine stagione continua a giocare così e vince lo scudetto, io sarò il primo a dire l’Inter ha giocato di m… e ha vinto lo scudetto. Inter-Spezia? Ho cambiato canale, una roba oscena. L’errore di Provedel? Non so come sarebbe finita”.

Già dopo Napoli-Inter, Cassano era stato tutt’altro che tenero con i nerazzurri e con il tecnico Antonio Conte: "Quando si dice a Conte che non ha idee lui si arrabbia, quando si dice l'Inter ha fatto fatica, lui risponde che l'importante era il risultato.

Sono già due cose che vanno in contraddizione, gli chiedi una cosa e ti risponde un'altra. Questo a malincuore, essendo interista, mi fa capire che l'Inter non sia una grande squadra. Perché? Una grande squadra, quando è dieci contro undici, è finita la partita, tu non prendi mai la palla, giochi all'attacco per il secondo, il terzo e il quarto gol.

Invece mettendosi con il 5-4-1 cosa ha detto? Non voglio più che mi tirano in porta, voglio chiudere la partita ed è finito. Conte deve capire che ha una grandissima squadra e deve avere coraggio ed essere spregiudicato a giocarsi le partite faccia a faccia".

Cassano ha espresso anche la propria opinione sulla vicenda legata a Eriksen: "Lo fa entrare negli ultimi minuti. Se lo faceva a me ribaltavo lo spogliatoio. Avrei preferito che non mi metteva per 5 partite. Non devi approfittare che Eriksen sia un bravo ragazzo. Questo per quattro anni di seguito è stato il miglior centrocampista del Tottenham in Premier League. Tanti meriti, ma anche tanti demeriti. Ha chiesto a tutti i costi, già l’anno scorso, Arturo Vidal che sta dando poco in un ruolo che non è suo.

Spesso e volentieri lo sta facendo giocare in mezzo, però Vidal dobbiamo ricordare che non è più quello di sei anni fa. Ha insistito tanto per averlo, e non gli sta dando spazio. Tantissime cose buone, ma anche tanti errori. E a me non piacciono le persone che hanno tanti alibi".

Cassano duro anche su Lukaku

Dopo le critiche a Conte dopo Inter-Spezia, Antonio Cassano torna all'attacco anche su Romelu Lukaku. Fantantonio nei giorni scorsi aveva già detto la sua sulla punta belga: "Firmino è più forte di lui e ha 26 anni. Per non parlare di Aguero. Lukaku ha due merluzzi al posto dei piedi. È un animale fisico, che gli butti la palla. Non potrà mai essere un campione raffinato. Se abbassa il fisico non può più giocare, infatti in Inghilterra ha fatto fatica".

Cassano ha rincarato la dose durante l'ultimo appuntamento con la Bobo TV. Ventola lo ha provocato dicendo che rispetto a Benzema o anche Aguero, lui sceglierebbe: “Lukaku, per età, per prospettiva. Se devo fare una squadra a parità di età scelgo Lukaku''. La risposta di Antonio Cassano non si è fatta attendere: “Lascia stare l’età, oggi solo un folle come te può dire scelgo Lukaku e non Benzema''. Adesso, come l’altra volta, chiudo e me ne vado''.

Cassano aveva attaccato anche Ronaldo e Dybala

Non solo l'Inter, anche la Juventus è finita nel mirino di Antonio Cassano: “Cristiano Ronaldo alla Juventus può essere un problema e offuscare le idee di Pirlo”. Aveva riferito Cassano qualche settimana fa sempre in diretta su Twitch.

La Juve non ha bisogno di Ronaldo per vincere lo scudetto, l'ha preso per vincere la Champions. E non ci è ancora riuscita. Per me è un problema per tanti allenatori, tatticamente. Con lui parti 1-0, ma lui vive solo per il gol, non è come Messi che fa giocare bene la squadra”. Fantantonio ha avuto da ridire anche su Paulo Dybala che in questa prima parte di stagione non ha brillato: “Dybala è un gran calciatore, ma non lo vedo come un campione. Ha sempre avuto problemi con tutti gli allenatori nel giocare. Se è un fenomeno, perché gli allenatori non lo reputano importante? Non è un calciatore normale, ma nemmeno un campione, in 3-4 anni alla Juventus non è mai stato titolare fisso”.

Segui la pagina Serie A
Segui
Segui la pagina Inter
Segui
Segui la nostra pagina Facebook!