La vicenda che state per leggere ha quasi dell'incredibile: poche persone avrebbero scommesso sul fatto che nel 2014 una scimmia avrebbe cambiato per sempre la storia del copyright e delle leggi sul diritto d'autore. Eppure è esattamente ciò che è successo in Indonesia, dove nel 2011 una scimmia di Macaca nigra ha approfittato di un momento di distrazione del fotografo professionista David Slater per rubargli lo zaino, dove era contenuta anche la sua apparecchiatura fotografica. La proverbiale curiosità dei primati ha successivamente fatto il suo corso; esplorando il contenuto della refurtiva la scimmia ha cominciato a utilizzare la macchina fotografica di Slater, realizzando una serie incredibile di autoscatti che è stata conservata dal fotografo.

Il selfie della scimmia curiosa si trasforma in un caso internazionale

Fin qui nulla di strano, se non fosse che uno dei selfie realizzati dalla scimmia è stato utilizzato sulla famosa enciclopedia Wikipedia, senza pagare il fotografo per i diritti d'autore. Non è passato molto tempo che Slater abbia rivendicato l'utilizzo improprio dello scatto, dato che l'enciclopedia libera non avrebbe versato alcuna royalty come corrispettivo per l'utilizzo.

Secondo wikipedia il file è il frutto del lavoro di una scimmia

Non si è trattato però di una svista, visto che Wikipedia è famosa per la propria policy di tutela del copyright, una regolamentazione interna molto attenta e considerata tra le più ferree del web. È lo stesso portavoce del sito a spiegare com'è stato interpretato il diritto di utilizzo.

I migliori video del giorno

Infatti, secondo quanto affermato da Katherine Maher, la responsabile della comunicazione dell'enciclopedia libera "la legge su questo è molto chiara, solo agli umani si applica il diritto d'autore, non agli animali. Il file è frutto del lavoro di una scimmia che ha preso la macchina fotografica ed è quindi di dominio pubblico". Una tesi interessante e anche piuttosto logica, ma secondo il fotografo le cose potrebbero essere andate diversamente. Slater afferma che i fatti non sono andati nel modo in cui racconta wikipedia, accusandola di non averlo mai contattato per effettuare una seria verifica sull'accaduto.

La soluzione alla vicenda arriverà dalle aule di un tribunale

Visto e considerato che le parti sono arrivate al muro contro muro, la vicenda è finita in tribunale. Spetterà quindi alla legge indagare su come si sono sviluppati i fatti e mettere l'ultima parola su di una situazione quasi paradossale, divenuta virale e che ha divertito e incuriosito milioni di persone in tutto il mondo. Nei prossimi mesi sapremo se prevarrà il diritto dell'uomo o della scimmia. Resta il fatto che la sentenza avrà un peso enorme: un vero e proprio evento eccezionale per il primo esemplare di macaca nigra ad aver cambiato profondamente la storia di internet e del diritto d'autore digitale.