A mezzanotte è stata impiccata Reyhaneh Jabbari, la giovane donna iraniana che nel 2007, a soli 19 anni, uccise l'uomo che aveva tentato di stuprarla. Aveva testimoniato davanti al tribunale di Teheran. Aveva descritto con precisione i fatti. Morteza Abdolali Sarbandi tentò di violentarla e lei si difese uccidendolo con una pugnalata alle spalle. Le sue dichiarazioni non furono prese sul serio, la ragazza non fu ascoltata. Fu condannata a morte nel 2009 e fino alla mezzanotte di ieri, venerdì 24 Ottobre, aveva vissuto dietro alle sbarre del carcere di Teheran.

A rendere ancora più difficile la sua assoluzione era il ruolo importante che l'uomo svolgeva nel Paese: era un ex dipendente del ministero dell'Intelligence della capitale.

La sua esecuzione era stata più volte rimandata. L'ultimo rinvio è stato quello del 30 Settembre. Non è servito l'intervento internazionale che si è mobilitato fino all'ultimo per salvare la giovane donna. Inutile anche l'appello disperato della madre, Sholeh Pakravan: "Intervenite al più presto, non lasciatela morire". Sholeh capisce che la figlia sta per essere giustiziata quando venerdì, prima dell'esecuzione, la può incontrare per un'ora.

Afflitta e senza speranze aggiunge: "Credo che questa sia proprio l'ultima volta che l'ho vista e abbracciata". Reyhaneh viene impiccata. La pagina facebook che si era tanto battuta per la sua assoluzione: "Riposa in pace".

Reyhaneh avrebbe ricevuto il perdono della famiglia di Morteza Abdolali Sarbandi e quindi la libertà solo se avesse negato che l'uomo tentò di stuprarla. L'Iraniana non è mai voluta scendere a compromessi e non ha mai ritirato le accuse nè ritrattato la versione dei fatti.

Le autorità iraniane hanno ucciso la ragazza con l'accusa di omicidio volontario e premeditato: "aveva acquistato un coltello da cucina due giorni prima dell'omicidio" e ancora "aveva inviato un sms ad un amico nel quale lo informava che avrebbe ucciso l'uomo". Reyhaneh aveva solo 26 anni. L'Italia in prima fila per la sua liberazione.

Segui la nostra pagina Facebook!