Ancora una volta il mondo del calcio è funestato da un episodio di violenza e di morte. Franco Nieto, 33enne calciatore argentino che militava nel Tiro Federal, squadra che gioca nel torneo regionale di Aimogasta, è morto in seguito ad una violenta aggressione subita da ultras del la squadra del Chacarita. Il giocatore si è spento dopo quattro giorni di agonia e due interventi chirurgici: le ferite alla testa riportate erano troppo gravi, pare sia stato colpito addirittura due volte con un mattone.

Non perdere gli ultimi aggiornamenti Segui il Canale Cronaca Nera

Una partita di calcio finisce in rissa, poi la tragedia

Durante la partita tra Tiro Federal e Chacarita, disputata sabato 29 novembre, ad una decina di minuti dal termine, scoppia una rissa in campo.

Gli scontri tra calciatori sono così forti, che l'arbitro si vede costretto a comminare ben 6 espulsioni, e tra i giocatori puniti col cartellino rosso c'è anche Franco Nieto. Dopo il deciso intervento del direttore di gara, la situazione sembra tornare alla normalità, ma è una quiete che sa di preludio alla guerriglia che scoppierà poco dopo. Infatti, al termine del match, alcuni ultras del Chacarita, imbufaliti con Nieto, capitano del Tiro Federal, decidono di attenderlo e di fargliela pagare cara per quella maxi-rissa scoppiata in campo. All'uscita dallo stadio, il calciatore viene accerchiato e aggredito da un gruppo di tifosi: prima partono gli insulti, poi gli spintoni e infine si arriva alla violenza con calci, forti bastonate e, stando ad alcune testimonianza raccolte dalla polizia, addirittura due pesanti mattonate sulla testa di Nieto.

I migliori video del giorno

Proprio questi due forti colpi sarebbero stati fatali al 33enne calciatore, deceduto dopo quattro giorni di ricovero e due interventi chirurgici.

Le indagini e i primi arresti

La polizia ha fatto scattare subito le indagini e pare che abbia già individuato alcuni responsabili dell'aggressione a Franco Nieto. Un delegato della polizia argentina, a TN Noticias ha riportato che sono scattati i fermi per due persone e ha anche fatto una clamorosa e scioccante rivelazione: pare, infatti, che nel gruppo che ha assalito e ucciso il capitano del Tiro Federal, vi fossero anche alcuni membri dello staff tecnico del Chacarita. In Argentina, il fenomeno della violenza e dei morti legati al calcio sta assumendo dimensioni preoccupanti: negli ultimi 10 anni ci sono state 250 persone morte per incidenti e aggressioni e solo quest'anno le vittime sono state 15, già 3 in più rispetto al 2013. Tra queste, purtroppo, c'è anche un calciatore, il 33enne Franco Nieto.