È stato un Natale durissimo per Veronica Panarello, 26enne madre del piccolo Loris Stival, bimbo morto a Santa Croce Camerina di Ragusa. La donna si dovrà difendere dall'accusa di avere ucciso il piccolo strangolandolo. Secondo gli investigatori il bimbo è stato ucciso con fascette da elettricista. Una morte che ha lasciato basita un'intera comunità.

Nei giorni scorsi il sindaco di Vittoria (Ragusa) ha avanzato l'idea di offrire un lavoro a Davide Stival per consentirgli di stare vicino a Diego, il secondo figlio della coppia, che ha soli 4 anni. Inizialmente c'è stato grande scetticismo verso Veronica, anche per via dei suoi trascorsi burrascosi in quanto in passato tentò per due volte di togliersi la vita.

Col tempo, però, anche tra i parenti più stretti si è fatto strada il desiderio di provare a sostenerla fino a un'eventuale condanna perché è giusto riconoscerle il diritto alla difesa visto che continua a dichiararsi innocente, pur avendo detto delle inesattezze circa i suoi spostamenti in macchina.



Francesco Panarello, padre di Veronica, si è recato a trovare la figlia nel carcere di Agrigento il 27 dicembre 2014. I due hanno avuto così occasione di parlare e la giovane madre ha avuto modo di manifestare tutto il suo dolore per la sua condizione, per la perdita del primogenito, per il Natale trascorso in carcere. Ricordiamo che Veronica Panarello non ha potuto presenziare ai funerali del figlio per ovvie ragioni di sicurezza in quanto accusata di infanticidio aggravato.

Secondo quanto affermato dall'uomo, la figlia ha tutta l'intenzione di lottare per far valere le proprie ragioni, sostenuta dal legale Francesco Villardita.

I migliori video del giorno

Secondo Francesco Panarello il marito di Veronica, il 30enne autotrasportatore Davide Stival, dovrebbe andare in carcere a trovare la compagna per non farle mancare un supporto psicologico in quanto la moglie dice di avere bisogno dell'affetto del marito in questo delicatissimo momento della sua vita.

La notizia del giorno è che alla Panarello è stata inibita la corrispondenza postale sia in entrata che in uscita. Per quale motivo?