Le analisi sul corpo di Elena Ceste sono ormai terminate e si attende solamente la relazione finale da parte del medico legale e del team di esperti che si è occupato dei poveri resti in avanzato stato di decomposizione. Purtroppo però non dovrebbero esserci clamorose sorprese confermando che il ritrovamento a dieci mesi dalla morte di Elena Ceste non renderà mai possibile capire le vere cause del decesso lasciando aperte praticamente tutte le possibilità: l'omicidio, il suicidio e la causa accidentale.

Non perdere gli ultimi aggiornamenti Segui il Canale Serie TV

Elena Ceste: il corpo verrà presto restituito alla famiglia per i funerali

L'autopsia sul corpo di Elena Ceste ha escluso che la donna di Costigliole d'Asti sia stata uccisa con un'arma da taglio o da fuoco ma non è stato possibile stabilire se si sia trattato di soffocamento (mancando buona parte del collo che non è mai stato ritrovato nel rio Mersa).

Le analisi tossicologiche sono inoltre risultate negative così come non sono apparse evidenti fratture nelle ossa analizzate.

Purtroppo quindi l'autopsia non ha potuto chiarire cosa sia accaduto quel giorno nella vita di Elena Ceste e a questo punto non sarà mai possibile saperne di più. A questo punto quindi, come dichiarato dal medico legale Roberto Testi, nominato dai genitori e della sorella di Elena Ceste, il corpo non ha più nulla da dire e a breve potrà essere restituito alla famiglia. Il fatto potrebbe accadere già nei primi giorni di gennaio 2015 permettendo quindi la celebrazione dei funerali entro l'anniversario del primo anno della scomparsa - morte di Elena avvenuta lo scorso 24 gennaio.

Elena Ceste: con l'autopsia che non chiarisce nulla, si scoprirà mai la verità?

Nell'apprendere che l'autopsia sul corpo di Elena Ceste non ha portato nessun risultato, restano molti i dubbi sugli sviluppi di questo caso.

I migliori video del giorno

Si scoprirà mai la verità? Sebbene Michele Buoninconti sia al momento l'unico indagato per l'omicidio della moglie, non ci sono prove determinanti a suo carico al di là dei riscontri sulle celle telefoniche e di alcune bugie da lui dette nella descrizione dei fatti di quel tragico 24 gennaio. Troppo poco per un'accusa di omicidio.