Proseguono le indagini relative alla morte di Elena Ceste, la mamma di Costigliole d'Ast attorno alla cui morte aleggia ancora oggi grande mistero. Un vero e proprio giallo quello della Ceste, che si appresta a diventare uno dei grandi misteri di cronaca nera della storia italiana, visto che dai primi risultati che sono emersi dall'autopsia della donna, è stato stabilito che ad oggi non è ancora possibile stabilire con esattezza il modo in cui Elena sia morta. Dalle ultime notizie emerse nel corso delle trasmissioni Chi l'ha visto e Quarto Grado trasmesse questa settimana su Rai3 e Rete4, però, è stato esclusa categoricamente l'ipotesi secondo cui la donna si sarebbe suicidata.

Non perdere gli ultimi aggiornamenti Segui il Canale Cronaca Nera

Le ultime piste che stanno seguendo gli inquirenti in queste ore ruotano intorno alla presenza di un possibile killer, che avrebbe potuto prima rapire la donna e poi successivamente ucciderla brutalmente, oppure ferirla a morte e poi lasciarla morire di freddo.

Elena Ceste, chi è il vero assassino? Il marito è colpevole oppure no?

Dalle ultime notizie sul caso di Elena Ceste ad oggi 12 gennaio, non si esclude che il marito Michele possa essere coinvolto in questo triste e intricato caso di cronaca nera: al momento l'uomo rimane l'unica persona iscritta nel registro degli indagati e sebbene contro di lui non ci siano delle prove schiaccianti tali da poter far partire un processo, rimangono molti dubbi e perplessità. Per esempio, in molti si chiedono perchè Michele fin dal primo momento ha sempre fatto delle ipotesi circa la morte di sua moglie Elena: come faceva a sapere che la donna non era più in vita? E se Elena all'inizio fosse scomparsa per davvero? Grande mistero, poi, circa la sua presenza proprio il giorno del ritrovamento del cadavere della donna, nei pressi dei canale di scolo dove sono rimersi i resti di Elena: semplice casualità oppure no? I dubbi rimangono, nel frattempo, però, al più presto Elena potrà avere una degna sepoltura, visto che i resti della donna verranno restituti alla famiglia entro il mese di gennaio 2015.

I migliori video del giorno