Le 26enne Giuditta Perna, di Ruvo del Monte, nella zona di Potenza, ma originaria di Avellino, è l'ennesima donna della quale si sono perse le tracce. La scomparsa risale al 21 gennaio 2015. La ragazza, che studia Economia a Perugia, dove ha già ottenuto la laurea cosiddetta triennale, doveva effettuare una visita medica in Campania ma non si è presentata all'appuntamento. Gli investigatori sono al lavoro per cercare di ricostruire le abitudini della giovane e per questo motivo hanno parlato con parenti e conoscenti.

Non perdere gli ultimi aggiornamenti Segui il Canale Cronaca Nera

La giovane guidava abitualmente una Fiat Punto che è stata individuata, parcheggiata in modo apparentemente normale. Si cercano testimoni per capire se la Perna fosse o meno sola in macchina.

L'auto, che è di colore grigio, è stata sequestrata. Sarà esaminata allo scopo di risalire a una persona eventualmente presente in sua compagnia. Tra le ipotesi da tenere in considerazione anche quella che la Perna avesse appuntamento con una persona e sia dunque salita sulla sua auto. Il telefono cellulare risulta non raggiungibile ed è proprio questo particolare che allarma. Al momento non è semplice ipotizzare se Giuditta Perna si è allontanata volontariamente o se ha incontrato seri problemi da accertare. La ragazza è originaria di Calitri.

In fase di perlustrazione ci sono le zone limitrofe al fiume Ofanto. Dalle foto che circolano Giuditta Perna è una ragazza piuttosto carina. Inizialmente si era temuto che potesse essersi gettata da lì allo scopo di togliersi la vita.

I migliori video del giorno

Come sempre più spesso accade in casi analoghi gli inquirenti stanno analizzato la corrispondenza telematica sui socialnetwork in cerca dello spunto giusto. Le moderne indagini fanno quasi sempre i conti con la nuova realtà della globalizzazione e del pluralismo della comunicazione. In molti si sono uniti volontariamente alle ricerche, muniti di stivali per perlustrare la zona del fiume. In azione anche i sommozzatori.  Tra i casi recenti di donne misteriosamente scomparse vi ricordiamo quello di Roberta Ragusa (cosiddetto Giallo di Gello).