Il fumo è ancora abbondante, ma perlomeno il relitto non brucia più. Questo è il risultato di un controllo attuato sulla Norman Atlantic dopo all'aver particato un'apertura sulla fiancata sinistra del traghetto, all'altezza del portellone del pilota. Stamani è stato possibile constatare che la temperatura interna è scesa a 21 gradi, non sarà più necessario dunque sparare acqua nebulizzata nel relitto e  sarà sufficiente aspirare il fumo. "Avevamo quattro scopi, in primis lo spegnimento dell'incendio, in seconda battuta il rafreddamento della nave, in terza battuta impostare delle condizioni di accessibilità e di vivibilità nei locali ed infine non buttare tanta acqua per motivi di stabilità" ha spiegato Michele Angiuli, il comandante provinciale dei vigili del fuoco di Brindisi.





La situazione del Norman Atlantic - Si potranno ora verificare le dinamiche dell'incendio e la presenza di altre eventuali vittime a bordo. Un ragazzo afghano di sedici anni ha spiegato ai magistrati che erano tanti i clandestini come lui a bordo e molti di essi sono morti durante il rogo, almeno una decina. Lui almeno si è salvato, salendo sulla scialuppa su cui vi era anche l'autotrasportatore greco, pure quest'ultimo riuscito a mettersi in salvo. Per i due il ricordo peggiore di quella orribile notte è stato quello delle urla di disperazione di una donna che purtroppo non ce l'ha fatta: "Abbiamo trovato una donna che chiedeva aiuto, ma non siamo riusciti a vedere dove fosse, sentivamo solamente le sue grida di aiuto in mare.

Spero solo che questo macabro episodio se ne vada al più presto via dalla mia testa" - ha detto l'uomo.

Ad ogni modo è ancora impossibile cercare i presunti corpi, almeno finchè la nave non sarà in completa sicurezza. C'è comunque una questione sulle competenze territoriali, per ora la Procura di Bari continuerà le opportune indagini, ma allo stesso tempo in quella di Brindisi resterà aperto un fascicolo, in attesa di una risposta da parte della procura generale della Cassazione, che vista la situazione, si vedrà probabilmente obbligata a prendere una decisione.



Segui la nostra pagina Facebook!