Si celebreranno domani 07/02 nella Chiesa Parrocchiale di Govone i funerali di Elena Ceste, la donna di Costigliole d'Asti scomparsa da casa lo scorso 24 gennaio 2014. Per la sua morte è stato accusato e arrestato il marito Michele Buoninconti, attualmente detenuto con la pesante accusa di omicidio volontario e occultamento di cadavere.

Elena Ceste, news 07/02: la famiglia rinuncia alla forma privata

La famiglia di Elena Ceste aveva deciso, nelle scorse settimane (in accordo anche con Michele) di celebrare i funerali in forma strettamente privata.

Non perdere gli ultimi aggiornamenti Segui il Canale Cronaca Nera

Negli ultimi giorni, però, proprio rendendosi conto del grande affetto di amici e parenti, ma anche della gente comune, ha deciso di rinunciare alla forma privata dando la possibilità a tutti di presenziare alla cerimonia.

L'unica richiesta, segnalata proprio nell'epigrafe, è che la stampa non sia presente o mantenga correttezza evitando filmati (soprattutto nei confronti dei quattro bambini ai quali è stata così prematuramente sottratta la mamma).

La Santa Messa si terrà a Govone, paese di origine della famiglia Ceste (dove ancora possiede una casa) su stretto desiderio dei genitori e, prima dell'arresto, anche dello stesso Michele. La tumulazione del corpo verrà effettuata sempre nel paesino del cuneese. Non è al momento noto se Don Roberto, sacerdote di Motta di Costigliole d'Asti spesso ritenuto a conoscenza di alcuni fatti del passato di Elena, verrà invitato a co-celebrare la funzione.

Elena Ceste, ultime news: atteso nuovo sopralluogo della difesa nel rio Mersa

E mentre la famiglia Ceste si prepara a dare l'ultimo saluto ad Elena, la difesa di Michele Buoninconti è al lavoro per cercare di trovare una via d'uscita alle pesanti accuse a carico del vigile del fuoco.

I migliori video del giorno

E' previsto a tal proposito un nuovo sopralluogo nel rio Mersa, con l'ausilio di alcuni manichini, per dimostrare che Elena avrebbe potuto cadere accidentalmente ( o per proprio volere)  in quel canale di scolo. Si tratterebbe di una tesi alquanto debole secondo gli esperti, a confermare come la accuse ai danni di Michele Buoninconti siano estremamente difficili da confutare.